Statistiche

L'Osservatorio regionale sull'agricoltura biologica fornisce i dati e le tabelle sulle aziende, le superfici, i produttori e le specie zootecniche.

Clicca sulle voci dell'elenco per consultare le statistiche.

Gli operatori biologici al 31.12.2021 sono 9.227, dei quali operatori produttori esclusivi (aziende agricole) 6.992 produttori esclusivi, che rappresentano il 76% del totale. I produttori-preparatori costituiscono la seconda tipologia di operatori più diffusa, anche se significativamente meno importante della prima (15%), seguiti dai preparatori esclusivi (8%). Le attività di import ed export di prodotti biologici, sempre associate a quelle di preparazione, continuano ad interessare un numero piuttosto limitato di operatori: preparatori-esportatori e preparatori-importatori rappresentano, rispettivamente, lo 0,6% e lo 0,1% del totale.

Operatori biologici per tipologia (%), Puglia 31.12.2021

I seminativi sono le colture più estese sul territorio pugliese occupando il 44% della Superficie Agricola Utilizzata (SAU) in biologico regionale, seguiti dall’olivo che interessa il 29% del totale. Apprezzabile in termini numerici risulta anche la superficie investita a prati e pascoli (11% della SAU totale). Il macrouso “altre arboree”, che include in prevalenza mandorleti, ciliegeti e pescheti, rappresenta il 6%. La vite da vino occupa il 6% della SAU biologica totale; gli investimenti in superficie biologiche per vite da tavola e agrumi restano decisamente più ridotti e incidono rispettivamente il 2% e l’1% del totale. I vivai interessano complessivamente una superficie di 55 ha (Tabella 2), cioè lo 0,02% della SAU totale.

SAU biologica per macrouso (%), Puglia 31.12.2021

Oltre la metà della superficie biologica regionale si estende nelle province di Bari e Foggia che occupano, rispettivamente, il primo e secondo posto, con il 30% e il 27% sul totale. Nelle stesse province si distribuisce in modo sostanzialmente equilibrato oltre il 60% dei seminativi biologici, mentre quasi la metà delle superfici dedicate agli oliveti è distribuita tra Bari (26%) e Lecce (23%). La superficie di prati e pascoli certificata in bio è principalmente localizzata nelle province di Bari e Taranto con rispettivamente il 35% e il 31% del totale della Superficie Agricola Utilizzata (SAU). In provincia di Bari è presente il 55% delle superfici relative ad “altre arboree” che include principalmente pesco, pero e mandorlo, oltre ad altre colture permanenti da frutto o da legna; il 37% delle superfici investite ad uva da vino è localizzato in provincia di Foggia, dove si concentra anche il 76% della superficie dei vivai.

I dati al 31.12.2021 mostrano che le superfici in conversione costituiscono il 13% (33.320 ha) sul totale della superficie totale biologica della Puglia (255.235 ha).

Le incidenze delle superfici in conversione sul totale dei principali macrousi della SAU biologica regionale, per prati e pascoli, vite da vino, vivai e vite da tavola sono pari rispettivamente al 17%, 16%, 15% e 14% per le quattro categorie.

SAU biologica e in conversione (%), Puglia 31.12.2021

Le aziende pugliesi con attività zootecnica biologica restano in numero limitato, complessivamente 996. Il 71% del totale si occupa prevalentemente dell’allevamento di bovini e bufalini (44%) e ovi-caprini (26%). Gli equidi costituiscono la terza categoria più diffusa con il 14%. Le altre specie, quali avicoli, conigli e suini, sono allevate nel 13% delle aziende zootecniche. Più modesti, infine, i numeri dell’apicoltura e dell’acquacoltura, che rappresentano, rispettivamente il 3% e meno dell’1% degli allevamenti biologici pugliesi.



Aziende zootecniche biologiche per specie allevate (%), Puglia 31.12.2021