null Buoni servizio Anziani e Disabili, come creare i nuovi Codici Famiglia

Buoni servizio Anziani e Disabili, come creare i nuovi Codici Famiglia

In vista della prossima annualità operativa 2020/2021 dei Buoni Servizio per Disabili e Anziani, per la quale la presentazione delle domande avverrà a partire dalle ore 12:00 del 1° ottobre 2020, fino alle ore 14:00 del 30 ottobre 2020 è sin d’ora urgente e necessario che le famiglie provvedano alla generazione dei NUOVI CODICI FAMIGLIA.

I nuovi codici famiglia, infatti, sono necessari per garantire una più efficace tutela della privacy e dei dati personali degli utenti e rispondono in modo più accurato a quanto previsto dal GDPR (Regolamento Ue 2016/679), dal CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale) e dal Sistema Pubblico di Identità Digitale SPID, Firma Digitale e Sigillo Elettronico.

La generazione dei NUOVI CODICI FAMIGLIA è condizione necessaria e sine-qua-non per poter presentare le domande di buono servizio 2020/2021.

Per generare il codice famiglia è necessario preliminarmente essere in possesso di credenziali SPID di livello 2, con le quali procedere alla fase di accettazione dell’informativa Privacy e alla certificazione e dichiarazione del domicilio digitale. Al termine della fase di certificazione e dichiarazione del domicilio digitale del referente familiare, è possibile procedere alla creazione del Codice Famiglia, fase per cui è necessario disporre di una Attestazione ISEE Ordinario in corso di validità.

Per generare il Codice Famiglia è possibile procedere

  • direttamentetramite un Referente del nucleo familiare o tramite la persona interessata a presentare istanza per un avviso pubblico (ad esempio per il buono servizio)
  • oppure per delega ad un soggetto terzo (ad esempio delegando il Legale Rappresentante del Soggetto Gestore di un servizio accreditato, oppure delegando un CAF).

Se la creazione del Codice Famiglia viene fatta direttamente dalla famiglia, le credenziali SPID di livello 2 dovranno essere intestate al soggetto che intende presentare istanza o al referente familiare.

Se la creazione del Codice Famiglia viene fatta tramite delega ad un soggetto terzo, le credenziali SPID di livello 2 dovranno essere intestate al delegato, ed è necessario che lo stesso delegato disponga:

  • del numero di protocollo della Attestazione ISEE Ordinario del beneficiario delegante e della data di rilascio della stessa;
  • del Codice fiscale del dichiarante della DSU ISEE.

Tutti gli ulteriori dettagli tecnici relativi al corretto svolgimento della procedura di accreditamento del nucleo familiare, sono disponibili sull’apposito “Manuale procedura Telematica di Accreditamento al Portale Bandi PugliaSociale” redatto da InnovaPuglia S.p.a. e pubblicato all’indirizzo web bandi.pugliasociale.regione.puglia.it

La procedura di accreditamento del nucleo familiare è operativa al seguente percorso bandi.pugliasociale.regione.puglia.it  sezione Catalogo 2020/ Procedure 2020 – Accedi alle procedure.

Quindi il nuovo CODICE FAMIGLIA così generato, rappresenterà l’elemento tecnico fondamentale per la presentazione delle nuove domande di buono servizio a partire dal 1° ottobre p.v.

Gli Ambiti territoriali tutti e i Soggetti Gestori delle Unità di Offerta, pertanto, sono invitati a farsi parte attiva nel divulgare tali fondamentali informazioni presso tutte le famiglie assistite e (nel caso dei Soggetti Gestori) anche nel fornire eventuale supporto tramite “delega” allo svolgimento delle procedure di accreditamento e conseguente generazione del codice famiglia.

Pubblicato il 14 settembre 2020