SEI QUI:

Scrittura dei testi normativi

SCRITTURA DEI TESTI NORMATIVI

SCRITTURA DEI TESTI NORMATIVI

Abbreviazioni

Sigle

Unità di misura e monetarie

Simboli convenzionali propri di linguaggi tecnici o scientifici

 

SCRITTURA DEI TESTI NORMATIVI

Abbreviazioni

Le abbreviazioni consistono nel troncamento della parte finale di una parola, o nell'elisione di lettere che le compongono. Si scrivono usando lettere minuscole seguite da un punto. Le abbreviazioni sono invariabili; il plurale è indicato dall'articolo che le accompagna. Di norma non ricorrere ad abbreviazioni.

Sigle

Le sigle consistono in una o più lettere iniziali di determinate parole usate per designare enti, organi, programmi o simili, e sono assimilabili ai nomi propri. Si scrivono con lettere maiuscole senza punti di separazione quando ogni lettera è l'iniziale di una parola (ONU) e anche quando una parte della sigla non è una semplice iniziale, ma una parola tronca (ISTAT).

Quando in un testo si usa una sigla, la prima volta si scrive per intero l'espressione da cui deriva, facendola seguire dalla sigla fra parentesi tonde; le volte successive è consentito usare la sola sigla.

Ricorrere alle sigle solo quando sono già d'uso comune o quando alleggeriscono visibilmente il testo. Evitarle, anche in questi casi, se non sono chiare e univoche.

Unità di misura e monetarie

Scrivere per esteso le unità di misura: solo all'interno di tabelle, elenchi o simili è ammesso l'uso di simboli convenzionali o abbreviazioni.

Usare e scrivere le unità di misura attenendosi all'allegato del decreto del Presidente della Repubblica 12 agosto 1982, n. 802 (Attuazione della direttiva 80/181/CEE relativa alle unità di misura), nel testo in vigore.

La parola "euro" è indeclinabile e si scrive per esteso, in lettere minuscole.

Simboli convenzionali propri di linguaggi tecnici o scientifici

I simboli convenzionali propri di linguaggi tecnici o scientifici sono ammessi quando strettamente necessari alla formulazione dei testi normativi, ad esempio per dettare prescrizioni tecniche attraverso algoritmi matematici. Quando non vi è accordo sul significato attribuito al simbolo o esso non è di dominio comune, specificare preventivamente il significato attribuito nel testo al simbolo in questione.

ultimo aggiornamento: mar, 07 ottobre 2014 @ 13:49