SEI QUI:

news 

Giunta regionale. Seduta conclusa. I principali provvedimenti:

 

La Giunta regionale ha  approvato  un  Protocollo d'Intesa tra Regione Puglia e Regione Ecclesiastica Puglia per la salvaguardia del patrimonio ecclesiastico  sul territorio  pugliese.
Conseguentemente all'Intesa sottoscritta  tra il Ministro per i Beni e le Attività Culturali ed il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana in data 13.09.1996 per  dare attuazione  all'art.12 n.1 dell'Accordo di revisione del Concordato Lateranense, finalizzato allo svolgimento dì attività culturali  di interesse comune,l'Esecutivo pugliese  ha individuato nella Regione Ecclesiastica Puglia il soggetto con il quale addivenire alla stipula del Protocollo; ha approvato il testo dello stesso protocollo ; la  scheda-progetto elaborata per l'azione work-in-progress PiiiLCulturaPuglia "Fruizione pubblica Beni Culturali di proprietà Ecclesiastica" ;le linee per l'elaborazione del programma di valorizzazione in attuazione dell'art. 15 "Fondo speciale cultura e patrimonio culturale" della L.R. n. 40 del 30.12.216.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale  ha approvato la conferma dell'adesione della Regione Puglia all'Associazione "EUROSOLAR ITALIA" con sede in Roma, per l'anno 2017 . Costo dell'adesione: 500 euro

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La Giunta  regionale  ha approvato le ‘LINEE GUIDA PER LA PROMOZIONE DI INIZIATIVE DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA A FINI PRODUTTIVI E AMBIENTALI'.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Con la sottoscrizione di un nuovo Protocollo di intesa, sono state risolte  le interferenze della "linea ferroviaria Bari – Altamura – Matera" con la viabilità urbana all'interno della città di Bari, nell'ambito dell'intervento "Potenziamento e velocizzazione della linea ferroviaria Bari/Matera e tratta metropolitana Toritto/Bari - Lotto IV Raddoppio Bari Policlinico - Bari S. Andrea".  Come forse si ricorderà, era stato precedentemente firmato  digitalmente il disciplinare regolante i rapporti tra la Regione Puglia e le Ferrovie Appulo Lucane s.r.l. per la realizzazione dell'intervento di "Potenziamento e velocizzazione della linea ferroviaria Bari/Matera e tratta metropolitana Toritto/Bari - Lotto IV Raddoppio Bari Policlinico - Bari S. Andrea", per un importo pari ad € 16.300.000,00. In particolare gli interventi, che ora potranno procedere  con maggiore  celerità, riguardano:


Codice  Descrizione
1 Rotatoria all'intersezione Viale L. Pasteur - Viale G. Solarino - Via delle Murge – La Rotatoria, di 40  metri di diametro, è finalizzata a mettere in sicurezza i movimenti di ingresso uscita da via delle Murge e a migliorare la manovra di inversione di marcia lungo via Pasteur per accedere a via Martiri d'Avola.
2 Anello di circolazione a senso unico tra Viale G. Solarino e Viale D. Cotugno – L'intervento è finalizzato a creare un anello di circolazione a senso unico per incrementare la capacità di deflusso del sovrappasso di via Solarino attualmente limitata dalla presenza dell'impianto semaforico all'intersezione con viale Papa Giovanni XXIII. Inoltre è prevista la realizzazione di un percorso ciclo-pedonale in corrispondenza del viale Domenico Cotugno che permetterà il collegamento della mobilità sostenibile tra viale Papa Giovanni XXIII e la rotatoria all'intersezione via S. Matarrese. L'intervento comporta la modifica degli attuali schemi di circolazione sui tratti terminali di via D. Cotugno e via G. Solarino nonché espropri.
3 Riorganizzazione Ingressi/Uscite Autosilo "Polipark"- L'intervento è finalizzato a garantire la fluidità della circolazione sul tronco di scambio dell'anello di circolazione a senso unico evitando che i movimenti da/per il Polipark comportino un decadimento del livello di servizio sulla viabilità di scorrimento.
4 Rotatoria all'intersezione Via S. Matarrese - Viale D. Cotugno - Via Gen. N. Bellomo. La rotatoria, di 51 metri di diametro con pista ciclo-pedonale monodirezionale esterna e separata dall'anello veicolare, l'intervento è finalizzato  a regolare l'intersezione di innesto di via S. Matarrese con via Bellomo e via Cotugno in modo da rendere rapido e sicuro il collegamento con il cavalcaferrovia di via Solarino da parte degli utenti provenienti da Via Bellomo e via Matarrese. La pista ciclo-pedonale in corrispondenza della rotatoria, oltre a migliorare la sicurezza stradale e facilitare lo scorrimento dei veicoli, permetterà la continuità della mobilità sostenibile tra il viale D. Modugno, il viale L. Pausteur, la via G. N. Bellomo e via S. Matarrese.
5 Viabilità di raccordo tra Viale G. Tatarella e Via S. Matarrese (lotto funzionale funzionante Terza Mediana Bis). L'intervento consente di raccordare via S. Matarrese e via J.M. Escrivà (terza mediana bis) con viale G. Tatarella (Asse Nord-Sud) in modo da consentire lo sfruttamento del cavalcaferrovia presente su viale G. Tatarella anche da parte dei flussi di traffico provenienti da Poggiofranco.
6 Rotatoria all'intersezione tra Viale G. Tatarella e viabilità di raccordo a via S. Matarrese - La rotatoria, di 100 metri di diametro e funzionante a tronchi di scambio, costituisce l'elemento di raccordo tra Viale G. Tatarella (Asse Nord-Sud) e via J.M.Escrivà (Terza mediana bis)
7 Soppressione P.L. Via delle Murge e modifica viabilità a cul-de-sac - L'intervento prevede la realizzazione di recinzione in luogo dell'attuale P.L. e la realizzazione di una rotatoria sulla testata di via delle Murge per disciplinare l'inversione di marcia da parte dei frontisti.
8 Sottopasso ciclo-pedonale di collegamento tra il viale L. Pasteur e via S. Matarrese– L'intervento prevede la realizzazione di un sottopasso ciclo-pedonale che permetterà il collegamento tra la rotatoria all'intersezione Via S. Matarrese - Viale D. Cotugno - Via Gen. N. Bellomo e la rotatoria all'intersezione Viale L. Pasteur - Viale G. Solarino - Via delle Murge. Anche in questo caso l'intervento è mirato alla continuità della mobilità sostenibile prevista in progetto, che permetterà la riduzione del rischio stradale e del traffico veicolare.
9 Soppressione P.L. Strada Santa Caterina e realizzazione sovrappasso - L'intervento prevede la realizzazione di un cavalcaferrovia in sostituzione dell'attuale P.L. Sulle testate delle rampe del sovrappasso sono previste due rotatorie compatte finalizzate a mettere in sicurezza il raccordo con la viabilità minore e un passo carrabile di accesso ad un attività commerciale dotata di ampio parcheggio. La viabilità è dotata di percorso ciclopedonale in coerenza con le previsioni del comune di Bari
10 Raddoppia linea FAL – L'intervento prevede il raddoppio dalla linea F.A.L. in corrispondenza della fermata di Bari Policlinico, precisamente dal km 2+527 per il binario pari e 0+537 per quello dispari. Dove il tracciato ferroviario, a seguito della realizzazione delle opere di raddoppio già appaltate tra Bari Scalo e Bari Policlinico, sarà caratterizzato da un andamento in curva con raggio costante pari a 700 m (binario pari) e un interesse di 3,5 m.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale  ha disposto, tramite l'ADISU-Puglia, il finanziamento di 4 Borse di ricerca presso istituzioni universitarie italiane o comunitarie, presso organismi internazionali ed istituzioni europee, in collaborazione con il Servizio Delegazione Bruxelles e il Servizio Delegazione Romana, a beneficio di giovani laureati pugliesi per il loro perfezionamento professionale e scientifico, in attuazione di quanto disposto dall'art. 15 (Interventi in materia di Ricerca e Orientamento Universitario) della L.R. n. 17 del 02/12/2005, così come integrato dall'art. 16 della L.R. n. 20 del 30/12/2005.
Le Borse di ricerca dovranno essere, in linea generale, così caratterizzate:
- Luogo di svolgimento: istituzioni universitarie, italiane o comunitarie, organismi internazionali ed istituzioni europee, per il tramite del Servizio regionale Delegazione di Bruxelles e del Sevizio regionale Delegazione Romana;
- Aree di ricerca (esclusa l'area medica):
Per le borse in collaborazione con il Servizio regionale Delegazione di Bruxelles:
1) "Riflessione sul Futuro dell'Europa e negoziato sul Quadro finanziario pluriennale dopo il 2020: analisi del dibattito a livello europeo, delle ricadute in ambito nazionale e regionale, sia in termini di politiche che di risorse finanziarie";
2) "Strategia industriale dell'Unione Europea e Mercato unico digitale: analisi delle politiche europee di settore, confronto con quelle nazionali e regionali, comparazione di buone pratiche, individuazione dei possibili strumenti di finanziamento";
Per le borse in collaborazione con il Servizio regionale Delegazione Romana:
3) "Riflessione sui rapporti Stato - Regioni in materia di Istruzione e formazione: analisi delle politiche nazionali e regionali di settore, monitoraggio delle attività del coordinamento delle regioni; la comparazione di buone pratiche esistenti a livello nazionale";
4) "La partecipazione delle Regioni alla definizione ed attuazione del diritto e delle politiche europee: analisi comparata dei sistemi in vigore nei principali paesi europei, identificazione di buone pratiche, applicazioni concrete per la Regione Puglia".
- Durata del progetto di ricerca: 12 mesi;
La Giunta ha disposto  che ciascuna Borsa di ricerca sia pari a euro 18.000,00 (diciottomila/00) e copra tutti gli oneri necessari alla realizzazione del progetto di ricerca, come descritto in narrativa, ivi compresi gli oneri fiscali, previdenziali, assistenziali, la responsabilità civile per danni subiti e per danni cagionati a terzi.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale dà attuazione, tramite dell' ADISU Puglia, a quanto disposto dall'art. 15 della LR 17/05, favorendo iniziative e progetti in favore di giovani laureati pugliesi per il perfezionamento professionale e scientifico attraverso il finanziamento di  . 18 assegni di ricerca di durata biennale, da destinare a giovani laureati pugliesi per ricerche applicate al rafforzamento della capacità amministrativa della Pubblica amministrazione con particolare riguardo alle attività della Regione Puglia.

Per l'anno 2017 presenta una disponibilità pari a € 898.000,00 che l' Esecutivi  ha interamente assegnato ad ADISU Puglia al quale spettarà il compito di adottare  uno  specifico Avviso pubblico, rivolto alle Università pugliesi per il finanziamento di assegni di ricerca destinati a giovani laureati pugliesi per ricerche applicate al rafforzamento della capacità amministrativa dell'ambito delle attività della Pubblica amministrazione, con particolare  riguardo alle attività della Regione Puglia;
Nello specifico, l'Avviso pubblico dovrà essere adottato da ADISU Puglia tenendo conto dei seguenti criteri:
• gli assegni di ricerca finanziati, da attuare a cura delle università della Regione, dovranno essere del tipo professionalizzante (retribuzione annua lorda + carico ente = 23.657,42) e della durata di 24 mesi;
• dovranno essere rivolti a giovani laureati pugliesi che abbiano conseguito la laurea negli ultimi 5 anni
• il numero di assegni di ricerca complessivi da finanziare sarà pari a 18 e dovranno avere una durata complessiva non superiore a 24 mesi;
• i progetti dovranno vertere sulla tematica generale del "Rafforzamento della capacity building dell'amministrazione regionale";
• le attività di ricerca per il rafforzamento e l'accrescimento delle competenze dell'amministrazione regionale verranno individuate, su indicazione dei fabbisogni delle Sezioni regionali, dalla Dirigente Sezione Istruzione e Università;
• i progetti presentati dovranno prevedere un periodo di stage della durata complessiva di 6 mesi per anno, anche non continuativi, da tenersi in una delle Sezioni regionali, come indicato dall'Università proponente nei progetti di candidatura;
• ogni Ateneo potrà presentare un numero massimo di proposte di ricerca in proporzione al numero di laureati nell'a.a. 2015-2016, secondo quanto indicato nella tabella che segue:

Ateneo Laureati
aa. 2015-16 N. max proposte
Università di Bari 7.308 19
Politecnico di Bari 1.906 5
Università di Foggia 1.492 4
Università del Salento 3.120 8
LUM 267 1

• la presentazione delle istanze per l'assegnazione del finanziamento degli assegni di ricerca da parte delle università dovrà essere subordinata alla manifestazione di interesse di una Sezione regionale, la quale dovrà dichiarare nello specifico l'interesse ad ospitare l'assegnista di ricerca nella propria sede per 6 mesi per anno, anche non continuativi.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^


Approvato  dalla Giunta regionale  uno  schema di convenzione tra la Regione Puglia e le Province pugliesi/Città Metropolitana di Bari  per disciplinare i relativi rapporti ed i rispettivi obblighi in relazione alla gestione, per l'anno 2017, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive per il lavoro nel territorio pugliese, in continuità con la convenzione già stipulata dalle parti in data 11 maggio 2016 per il biennio 2015-2016, dove  è formalizzato il criterio di riparto tra le Province pugliesi/Città Metropolitana di Bari della quota di compartecipazione della Regione Puglia agli oneri di funzionamento dei servizi per l'impiego -pari ad € 6.991.079,50 –, confermando quello applicato dall'Amministrazione regionale per il biennio 2015-2016 e richiamato dalla DGR n. 2043/2017, vale a dire in misura proporzionale al numero dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato dell'annualità 2015 direttamente impiegati in compiti di erogazione di servizi per l'impiego.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale  ha approvato le modalità per il riparto delle risorse statali a sostegno dell'associazionismo comunale, attribuite alla Regione Puglia in base all'Intesa  n. 936/CU dell'1/03/2006 sancita dalla Conferenza Unificata, nonché, delle risorse regionali di cui all'art.19,  della l.r. n. 34/2014. L'esecutivo ha quindi dato  atto che le risorse ministeriali (€ 1.096.655,54)  e regionali (€ 800.000,00),   per un importo complessivo di € 1.896.655,54- per  l'anno 2017- vengano assegnate a favore delle Unioni dei Comuni pugliesi ripartendole  tra  di  esse,  in  misura proporzionale al contributo statale attribuito alle medesime Unioni nel 2015.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La Giunta regionale  ha  rilasciato  il parere di compatibilità paesaggistica alle  Variante al PdF, adottata dal Comune di San Giorgio Jonico con DCC n.13 del 17/06/14, per la riqualificazione urbanistica del suolo alla Via Colombo in ditta "My

House srl" ,in esecuzione sentenza TAR Lecce 1184/2012, alle condizioni di cui alla nota istruttoria della Sezione Tutela e Valorizzazione del Paesaggio.
L'Esecutivo ha quindi approvato  in via preliminare ai sensi dell'art. 16/co. 10° della LR 56/1980, la Variante al PdF nel Comune di San Giorgio Jonico, con prescrizioni .
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 La Giunta regionale ha  espresso parere di compatibilità paesaggistica del PUG di Ceglie Messapica al PPTR approvato con DGR n. 176/2015. Con la stessa delibera  la Giunta ha anche  attestato , ai sensi dell'art. 11 della L.r. n.20/2001, la compatibilità del PUG del Comune di Ceglie Messapica rispetto alla L.R.20/2001 e al DRAG approvato con D.G.R. n. 1328 del 03/08/2007.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Approvato dalla Giunta regionale il bando utile alla selezione del Direttore Generale dell'Ager, l'Agenzia regionale territoriale per  il servizio di gestione dei rifiuti.
Quindici (15) giorni consecutivi( decorrenti dal giorno di pubblicazione del presente atto sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana), il termine di presentazione delle candidature.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha  approvato lo schema di Accordo MISE-Regione puglia-Invitalia spa per l'attuazione degli interventi agevolati ( ex lege 181/1989 destinati ad iniziative imprenditoriali localizzate nel territorio dell'area di crisi di Brindisi e dell'area ad elevata specializzazione del Settore tessile – Abbigliamento – Calzaturiero del PIT 9 territorio Salentino Leccese, da finanziare con risorse nazionali in perenzione amministrativa.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale  ha destinato la somma di € 200.000,00 al Comune di Andria, titolare della discarica pubblica gestita da Daneco Impianti spa, sita in località "San Nicola La Guardia"- Autorità Sanitaria locale nonché amministrazione territorialmente competente-a eseguire in via sostitutiva d'ufficio gli interventi necessari, ai sensi dell'art. 250 co. 1, anche al fine di  dar seguito a quanto disposto nel provvedimento di diffida al Gestore Daneco Impianti Spa invitandola 1) a porre in essere ogni misura di prevenzione e di messa in sicurezza di emergenza atta ad impedire la propagazione della contaminazione: copertura provvisoria della discarica, emungimento del percolato e attività che annullino l'immissione dello stesso nelle matrici ambientali esterne, mantenimento di un battente idraulico del percolato minimo ; 2) eseguire le indagini preliminari delle matrici ambientali 3) valutare e proporre le azioni a tutela dell'ambiente e della salute a seguito dei risultati delle indagini preliminari ; 3) a presentare il piano di caratterizzazione ai sensi dell'art. 242 co. 3
L'Esecutivo ha  poi stabilito che il comune di Andria, provveda ad horas alla rimozione del percolato, certificandone  la riduzione, assumendo il controllo tecnico delle operazioni per la gestione dello stesso;
Con la stessa delibera, inoltre, la Giunta ha deciso di stabilire e prescrivere che il soggetto beneficiario dovrà fornire entro 60 gg dalla notifica del presente provvedimento, unitamente alle proposte di Messa in sicurezza di Emergenza (art. 240 co. 1 lett. m) o Misura di Prevenzione (art. 242 co. 2)  e di Piano di Caratterizzazione (art. 242 co. 3),  una relazione sugli intervento oggetto di finanziamento, indicando le risorse professionali di cui dispone e/o di cui si intende dotare nonchè le strategie progettuali che intende attivare, con annesso cronoprogramma che scandisca tempi di esecuzione e le azioni risolutive delle criticità, indicando le fasi di esecuzione delle misure di prevenzione nonché di indagine preliminare propedeutiche ad interventi Misure di Messa in Sicurezza di Emergenza/Prevenzione e Quadro Economico per la definizione di  stanziamenti  di somme aggiuntive rispetto a quelle assegnate con la delibera approvata oggi
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha  espresso  l'indirizzo all'ammissibilità del progetto denominato SANOFI S.p.A. - presentato dall'impresa SANOFI S.p.A., con sede legale a Milano , alla fase successiva di presentazione del progetto definitivo riguardante investimenti in Attivi Materiali e R&S, per complessivi € 28.265.000,00, con agevolazione massima concedibile pari ad € 7.544.750,00.
Il Programma di investimenti comporterà, a regime, un incremento di n. 2,00 ULA.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

mer, 13 dicembre 2017 @ 13:37

Testata editoriale - registrazione

(PressRegione - Agenzia Giornalistica,

Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)

 

ultimo aggiornamento: lun, 30 maggio 2016 @ 17:43