top
footer
cerca
areetematiche
menu
SEI QUI:
Ascolta

news 

Puglia, la casa della Partecipazione. Progetto " Apulian life style"

MAZZARANO: "CON LA DIETA MEDITERRANEA TUTELIAMO LA SALUTE E FAVORIAMO LO SVILUPPO ECONOMICO"



"Dieta mediterranea, ricerca e medicina, vanno messe insieme perché creano occasioni di benessere e sviluppo".

Così l'Assessore regionale allo Sviluppo Economico Michele Mazzarano durante la presentazione del progetto Apulian Life Style con cui la Regione Puglia, in collaborazione con ARESS, promuove la corretta alimentazione come stile di vita, ma anche come volano di valorizzazione delle produzioni locali a km0.

"Registriamo un incremento dell'attività di ricerca – ha continuato l'Assessore-, come naturale propensione delle aziende che vogliono innovare per crescere e diventare competitive. Questa, del resto, è la formula magica che ha consentito alla Regione Puglia di resistere alla crisi".

Apulian Life Style è un percorso multidisciplinare che attraverso la ricerca, la corretta comunicazione ed educazione e l'incentivazione delle tipicità locali, intende contrastare l'incidenza delle malattie multifattoriali. Nelle mense, a scuola, come all'interno dei distributori automatici, saranno presenti alimenti pugliesi.

"La salute passa dal cibo e l'alimentazione sana e controllata consente anche la diminuzione della spesa sanitaria. Tra i tanti modi di percepire la qualità da parte del consumatore alimentare prende piede l'idea di qualità associata a qualcosa che fa stare bene", ha dichiarato il Direttore del Dipartimento Agricoltura della Regione Puglia Gianluca Nardone.

Nelle mense i prodotti sani avranno una doppia valenza, agricola e sanitaria, ed il marchio di qualità di "prodotti di Puglia" garantirà il binomio sapore- produzione etica, nel pieno rispetto delle tradizioni, del lavoratore e dell'ambiente.

"La dieta mediterranea deve essere concepita come sintesi tra sostenibilità, benessere, salute, qualità delle produzioni. Nell'epoca della globalizzazione dobbiamo pensare e agire in maniera glocale", ha concluso Felice Ungaro, responsabile del progetto.

Foto
 

gio, 14 settembre 2017 @ 16:28