Direttore responsabile: Il Dirigente del Servizio Comunicazione Istituzionale
Bandiera Europa





Apprendistato professionalizzante

Con Legge Regionale n.13/2005, la Regione Puglia ha disciplinato gli aspetti formativi del contratto di apprendistato professionalizzante definendo i profili formativi intesi come l’insieme delle conoscenze e delle competenze necessarie per ciascuna figura professionale.

La legge regionale si caratterizza per :

• il principio di una durata della formazione crescente in ragione della durata del rapporto di lavoro;

• l’introduzione per la prima volta nel sistema della formazione professionale in Puglia del voucher formativo che semplificherà l’applicazione della norma , consentendo all’apprendista e al datore di lavoro di decidere di comune accordo dove acquisire la formazione esterna scegliendola da un catalogo approvato dalla Regione Puglia sentite le organizzazioni sindacali e datoriali anche per il tramite degli Enti Bilaterali a garanzia di una effettiva aderenza della formazione impartita ai bisogni formativi;

• la valorizzazione della bilateralità e il rispetto delle funzioni della contrattazione collettiva sia in tema di definizione dei profili formativi, sia in tema di controllo del Piano Formativo Individuale sia in tema di definizione dell’offerta formativa esterna, si infine in tema di modalità di accertamento delle competenze acquisite e di monitoraggio dell’applicazione della disciplina;

• la prevalenza della formazione esterna, nella convinzione che l’intreccio tra formazione teorica e apprendimento pratico arricchisca gli apprendisti e le stesse aziende;

• la garanzia da parte della Regione Puglia della integrale copertura finanziaria della formazione esterna che dunque non graverà in alcun modo sulle aziende che assumono apprendisti;

• la valorizzazione del ruolo dei servizi pubblici per l’impiego e quindi delle Province ai fini dell’applicazione della legge;

• la certificazione della formazione effettuata, che la rende spendibile sul mercato per l’apprendista;

• infine la previsione che, nel limiti delle disponibilità finanziarie determinate annualmente in sede di bilancio, la Regione Puglia incentiverà nella misura massima consentita dalla normativa europea in materia, la trasformazione del rapporto di apprendistato in rapporto di lavoro a tempo indeterminato.