Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





P.E.A.R. - PUGLIA
PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

La Regione Puglia è dotata di uno strumento programmatico, il Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR), adottato con Delibera di G.R. n.827 del 08-06-07, che contiene indirizzi e obiettivi strategici in campo energetico in un orizzonte temporale di dieci anni.

Il PEAR concorre pertanto a costituire il quadro di riferimento per i soggetti pubblici e privati che, in tale campo, hanno assunto ed assumono iniziative nel territorio della Regione Puglia.

Con Deliberazione della Giunta Regionale 28 marzo 2012, n. 602 sono state individuate le modalità operate per l’aggiornamento del Piano Energetico Ambientale Regionale affidando le attività ad una struttura tecnica costituita dai servizi Ecologia, Assetto del Territorio, Energia, Reti ed Infrastrutture materiali per lo sviluppo e Agricoltura.
 
Con medesima DGR la Giunta Regionale, in qualità di autorità procedente, ha demandato all’Assessorato alla Qualità dell’Ambiente, Servizio Ecologia – Autorità Ambientale, il coordinamento dei lavori per la redazione del documento di aggiornamento del PEAR e del Rapporto Ambientale finalizzato alla Valutazione Ambientale Strategica.

La revisione del PEAR è stata disposta anche dalla Legge Regionale n. 25 del 24 settembre 2012 che ha disciplinato agli artt. 2 e 3 le modalità per l’adeguamento e l’aggiornamento del Piano e ne ha previsto l’adozione da parte della Giunta Regionale e la successiva approvazione da parte del Consiglio Regionale;.
 
La DGR n. 1181 del 27.05.2015 ha, in ultimo, disposto l’adozione del documento di aggiornamento del Piano nonché avviato le consultazioni della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), ai sensi dell’art. 14 del DLgs 152/2006 e ss.mm.ii.. 
 
Le eventuali osservazioni, inerenti e pertinenti ai documenti adottati e al procedimento, dovranno essere inoltrate, da chiunque ne abbia interesse all’indirizzo seguente: servizio.ecologia@pec.rupar.puglia.it ed eventualmente consegnati presso la sede indicata unitamente ad una copia digitale, se non già provveduto via email.
 
Il termine per l’invio dei contributi e delle osservazioni è  di  sessanta  giorni  dalla  pubblicazione del corrispondente avviso sul Bollettino Ufficiale Regionale: