Direttore responsabile: Dott.ssa Maria Antonia Iannarelli
Bandiera Europa





Press Regione

Caso Petruzzelli, Emiliano:triste e intollerabile vicenda. Regione parte civile"



Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, sulla vicenda degli appalti truccati al Petruzzelli, dichiara:

“La visione del filmato nel quale gli indagati si scambiano bustarelle è effettivamente una delle scene più tristi ed intollerabili che io abbia mai visto in vita mia.
L’immagine della Fondazione Petruzzelli evidentemente contava poco per queste persone, l’immagine della città di Bari e della Puglia ancor meno.
Senza considerare tutto il lavoro che abbiamo fatto e i sacrifici della comunità per ricostruire quel teatro e per restituirlo alla gloria della cultura pugliese.
Non avere interesse ai tanti lavoratori che dentro la Fondazione Petruzzelli hanno realizzato il sogno di ricostruire il teatro e di ricominciare al suo interno l’attività artistica, corrisponde ad un assoluto tradimento delle cose più belle in cui tutta la città di Bari ha creduto e crede tuttora nonostante il dolore di questo momento.
La Regione Puglia si costituirà parte civile nell’instaurando processo penale e chiederà di essere risarcita da tutti gli imputati dei gravissimi danni subiti dal punto di vista materiale e morale”.

Sulla questione Emiliano ha anche avuto uno scambio sui social network con il deputato Giuseppe Brescia: “Ai patetici arrampicatori sugli specchi del Movimento 5 Stelle, che verranno querelati, voglio precisare tre elementi: primo: non ho mai nominato il direttore amministrativo nella fondazione Petruzzelli, che ho già trovato in quel ruolo quando sono stato eletto sindaco.
La sua nomina risale a quando presidente era il sindaco di centrodestra Simeone Di Cagno Abbrescia e sovrintendente Angiola Filipponio Tatarella.
Secondo, sono cessato dalla carica di presidente della Fondazione sin dal 2012 e quindi ben più di tre anni prima della data dei reati accertati, che ricadono sotto gestioni diverse dalla mia. Ruolo tornato a ricoprire per alcuni mesi nel 2014, sino a fine mandato
di sindaco di Bari, a giugno, dopo il periodo di commissariamento.
Terzo: ogni volta che nella mia vita ho avuto la possibilità di far sbattere in galera qualche ladro l’ho sempre fatto senza pensarci due volte e non esiterò a farlo ancora se dovesse capitarmene l’occasione”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 18:44  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Ilva, Emiliano: "Nono decreto Governo accoglie proposta decarbonizzazione"
Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano dichiara: “Il decreto del Governo sull’Ilva, il nono decreto, contiene diverse buone notizie. La prima e la più importante è che la proposta della Regione Puglia sulla decarbonizzazione dell’Ilva viene sostanzialmente accolta. Comincia così un percorso che non sarà né breve né facile di trasformazione della fabbrica da alimentazione carbone ad alimentazione a gas che abbatterà totalmente le emissioni di polveri sottili e di diossine e del 60% quelle di C02. Mi corre l’obbligo di ringraziare il presidente del Consiglio Matteo Renzi per aver tenuto conto della proposta che gli ho inviato un mese fa, che dimostra attenzione verso l’ambiente, verso la salute delle persone e nei confronti della Regione Puglia. Seguendo il metodo che abbiamo testato con riferimento all’Ilva si potranno trovare intese per tutte le altre gravi questioni ambientali riguardanti la Puglia. Ho fiducia che queste intese saranno presto raggiunte”.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 18:32  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Emiliano oggi al Mise con min. Guidi per incontro su settore chimica e Eni

Il presidente Emiliano ha partecipato questa mattina all’incontro – presso il Ministero dello Sviluppo Economico – con il ministro Federica Guidi e i rappresentanti delle Regioni nelle quali ci sono impianti e risorse della filiera chimica dell’Eni per discutere delle prospettive del settore e dell’azienda.

“L’incontro – ha spiegato Emiliano al termine - concerneva il destino della chimica italiana: ovviamente le Regioni hanno espresso preoccupazione per l’ipotesi che Versalis-Eni ha fatto di individuare un partner per poter rafforzare i propri asset in tutto il mondo, nel timore che questo potesse corrispondere ad una totale deresponsabilizzazione di Eni nel settore della chimica. Però abbiamo ricevuto anche dall’Eni, presente con i suoi rappresentanti, una rassicurazione sul fatto che non c’è alcuna intenzione di perdere questo asset strategico per l’industria italiana, anche se la necessità di risalire la classifica dei settori chimici mondiali prevede come unica strategia quella di scambiare brevetti, buone prassi, procedure con aziende che ricevono in cambio analogo sostegno da Versalis.

Ovviamente ho anche colto l’occasione per ringraziare l’azienda perché l’asset pugliese di Brindisi è un autentico fiore all’occhiello per l’impresa e rappresenta uno stabilimento modernissimo, molto rilevante, sul quale si continua a investire e ho ricevuto rassicurazioni che il polo di Brindisi per la Versalis rimane centrale e importantissimo. Questo era l’obiettivo principale di oggi”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 17:39  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Trivelle Tremiti e autorizzazione Mise: dichiarazione Emiliano

Sulla questione del rilascio delle autorizzazioni ministeriali per la ricerca di idrocarburi al largo delle isole Tremiti, che nei giorni scorsi era stata duramente contestata dal Governo pugliese, Emiliano, rispondendo ai giornalisti a margine dell'incontro odierno al Mise, ha aggiunto che oggi c’è stato “un ‘incidenter tantum’, come si dice in termini giuridici, cioè all’interno di una riunione che aveva un altro oggetto, ovviamente c'è stato lo scambio col Ministro di qualche battuta.

"Mi auguro ancora che questo ‘incidente delle Tremiti’ che era assolutamente imprevisto in una procedura che stava andando verso l’accordo tra le Regioni e il Governo sulla questione delle prospezioni e delle trivellazioni si possa risolvere subito. Anche al di là della questione terminologica - ci tengono a dire che cercare il petrolio non significa trivellare - e questo è giusto. Ma ci chiediamo, cercare il petrolio per fare che? Per togliersi la curiosità? Non credo.

Noi pensavamo che una volta trovato l’accordo non ci fossero più altre concessioni soprattutto in uno dei punti più delicati di tutta la Puglia che sono le isole Tremiti. Le Tremiti sono un parco marino strepitoso e dunque è evidente che bisogna trovare un’intesa tra il Governo e la Regione Puglia e le altre regioni. Speriamo che questo possa accadere al più presto”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 17:37  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Santorsola oggi a riunione congiunta consigli comunali convocati ad Altamura

 L’Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia Domenico Santorsola parteciperà questo pomeriggio alla riunione congiunta dei consigli comunali di Altamura, Matera, Santeramo in Colle, Gravina di Puglia, Poggiorsini, Spinazzola e Irsina, convocata presso il teatro Mercadante di Altamura per approvare una delibera sulla non disponibilità alla localizzazione nelle aree dei territori dei comuni del deposito nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del Parco Tecnologico”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 14:44  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Asl Bt. Emiliano:"Modello gestione integrata in sanità è sforzo indispenssabile"

 “Lo sforzo che la Asl Bt sta compiendo con la messa a punto di un modello di gestione integrata della sicurezza, va esaminato con grande attenzione e la giornata di oggi è certamente per noi un’occasione di formazione molto importante. Il tema è questo: cercare di trasformare in cose concrete e tangibili per gli ammalati e per gli stessi operatori sanitari, le norme previste dai vari testi di legge in materia di sicurezza. In Italia la salute e la sicurezza sul lavoro sono regolamentate dal Decreto Legislativo n.81 del 2008 ma purtroppo come accade in molti settori della pubblica amministrazione spesso e volentieri la normativa resta sostanzialmente disattesa quasi ovunque”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, intervenuto (via Skype da Roma) questa mattina a Barletta in occasione della giornata di studio "La Sanità in Sicurezza", organizzata dalla Asl Bt, durante la quale è stato presentato il Modello di gestione integrata della Sicurezza già attivo presso la stessa Asl. Ad aprire i lavori, Giovanni Gorgoni, Direttore Dipartimento Salute Regione Puglia, Ottavio Narracci, Direttore Generale Asl Bt, e Donato Sivo responsabile scientifico del convegno e coordinatore Medici competenti Asl Bt.

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 14:33  » «
Chimica Eni.Il presidente Emiliano alle 11.00 dal ministro Guidi

  

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, parteciperà, alle ore 11.00, presso il Ministero dello Sviluppo Economico a Roma, alla riunione convocata dal ministro Federica Guidi sulle prospettive del settore della chimica del Gruppo Eni.
Convocati all’incontro anche i Presidenti delle regioni Emilia Romagna, Lombardia,Sardegna,Sicilia e Veneto, oltre che gli A.D. di Eni spa, Descalzi e della Versalis spa, Ferrari.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 14 Gennaio 2016 @ 10:08  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Leo: “Sottoscritto a Roma Accordo su Sistema Duale”

 

 

E’ stato sottoscritto oggi a Roma, nella sede del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, un  accordo per l’istituzione del cosiddetto “Sistema Duale”. Il protocollo d’intesa tra il Ministero e la Regione Puglia dà avvio alla sperimentazione di un sistema della  formazione basato sull'alternanza scuola-lavoro. Il provvedimento si pone l’obiettivo di contrastare la dispersione scolastica  e a favorire la transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro, attraverso l'accesso a imprese  formative durante il percorso curriculare, l'alternanza scuola-lavoro 'rafforzata', che prevede che la  metà del percorso formativo si svolga in azienda, e il nuovo apprendistato, che impone almeno 500 ore di formazione in  aula e altrettante in azienda. A siglare le convenzioni con le singole Regioni, rappresentate dagli assessori alla Formazione, è stato il Sottosegretario al Lavoro Luigi Bobba. La Regione Puglia è stata rappresentata dall’Assessore con delega al Lavoro e Formazione Sebastiano Leo. La sperimentazione del sistema duale segue uno specifico accordo approvato a settembre dalla Conferenza Stato-Regioni e avrà  durata biennale.

“Poco più di 1,5 milioni di euro sono stati destinati oggi alla Regione Puglia per avviare la sperimentazione del sistema duale- fa sapere l’assessore Leo – Si tratta di risorse che saranno destinate a innovare ulteriormente la scuola e consentirle di accrescerne l’interazione con il mercato del lavoro, attraverso lo sviluppo di competenze, innovazione e nuove opportunità occupazionali. L’accordo, infatti, promuove l’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale e i percorsi di alternanza scuola/lavoro resi obbligatori dalla Legge 107/2015 e darà slancio al necessario rafforzamento del sistema di istruzione e formazione professionale”

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 13 Gennaio 2016 @ 19:52  » «
Emiliano oggi a Roma per incontro con Min. Lorenzin su Patto Salute
“Oggi è stata una giornata di buon lavoro con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin assieme ai presidenti delle regioni d’Italia. È stata soprattutto posta la questione di come le regioni del Sud possano recuperare lo svantaggio rispetto alle regioni del Nord”. Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano al termine della lunga e proficua riunione svoltasi questa mattina a Roma con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e i presidente delle regioni d’Italia, in occasione del Tavolo politico sul Patto Salute 2014-2016. “Abbiamo immaginato – ha aggiunto Emiliano - di costruire una road map di obiettivi precisi da conseguire in tempi determinati attraverso investimenti non più confusi ma assolutamente organizzati tra le regioni del Mezzogiorno per consentire, a queste ultime, di limitare la cosiddetta mobilità passiva. Ciascuna Regione dovrà investire laddove è più debole, e lo dovrà fare in coordinamento e in collaborazione con le altre regioni del Sud”. Per Emiliano si tratta di “una strategia positiva che il ministro ha considerato utile e che al più presto verrà consolidata in sede di conferenza delle regioni”. Insieme con il presidente Emiliano, anche il direttore del Dipartimento Promozione della Salute, del benessere sociale e dello sport per tutti della Regione Puglia, Giovanni Gorgoni. “Il dato che è emerso prepotentemente dal lungo confronto di questa mattina – ha sottolineato Gorgoni - è stato ancora una volta quello relativo alla rappresentazione di due Italie, alle quali vengono richiesti pari livelli essenziali di assistenza senza che venga chiarito quale sia il fabbisogno minimo di capitale umano per garantirli. Nelle regioni del Sud, la risorsa umana è spesso lontana da livelli qualitativi e quantitativi necessari per garantire i LEA”. “È stato anche ribadito – ha concluso Gorgoni - quanto emerso alla fine del 2015 in tema di riparto del FSN: e cioè che l'attuale sistema dei costi standard non soddisfa nessuno e non compensa le determinanti sociali della salute”. (s.n.)
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 13 Gennaio 2016 @ 18:24  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Conferenza aree protette. Curcuruto: "Rete dei parchi e integrazione politiche"

 “La conferenza regionale di oggi conclude una prima fase di attività con i parchi finalizzata a costituire la rete dei parchi per far condividere tra loro le buone pratiche e le iniziative che si svolgono al loro interno. Non solo. Costruire la rete dei parchi significa anche poter attribuire a questa rete una finalità di promozione delle attività che si svolgono all’interno, mettendola a disposizione del turismo a livello nazionale e internazionale. I parchi infatti devono essere uno dei fulcri dell’attività turistica della Puglia”.
Così l’assessore alla Pianificazione Territoriale della Regione Puglia, Anna Maria Curcuruto, che ha convocato per quest’oggi, presso la Sala Conferenze di via Gentile, la conferenza regionale delle aree protette, l’evento più importante per il Sistema delle aree naturali protette, in vista di una crescente valorizzazione del patrimonio naturale e culturale regionale. Alla conferenza regionale hanno partecipato, tra gli altri, il direttore del Dipartimento Agricoltura, Sviluppo rurale e Tutela dell’ambiente Gianluca Nardone e il direttore del Dipartimento Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio Aldo Patruno.
“I parchi – ha spiegato la Curcuruto – possono contribuire anche ad una politica più ampia delle attività turistiche. Consentono infatti non solo la destagionalizzazione del turismo ma anche la sua delocalizzazione, spalmando, ad esempio, la grossa pressione che abbiamo avuto sulle coste nelle ultime estati, sulle aree più vaste che includono le aree interne, quelle dei parchi, così come quelle dei centri storici. In questo modo variamo quindi l’offerta turistica della Puglia che potrebbe andare dal mare alla natura, alla cultura dei centri storici in un insieme integrato tra loro e integrato nella pianificazione regionale”.

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 13 Gennaio 2016 @ 14:55  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)