Direttore responsabile: Dott.ssa Maria Antonia Iannarelli
Bandiera Europa





Press Regione

Leo giovedì 9 giugno alla presentazione dei rapporti sullo stato dell'Università


Saranno presentati a Bari il 9 giugno il “Secondo rapporto sullo stato del sistema universitario e della ricerca” curato dall’ANVUR e il rapporto “Il sistema universitario italiano: un’analisi regionale”, curato dall’ARTI.
L’occasione è data dal convegno “L’Università al bivio. Didattica e ricerca alla prova dei numeri”, organizzato da Regione Puglia e ARTI, nell'ambito del progetto “Osservatorio Regionale dei Sistemi d’Istruzione e Formazione” e in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. La discussione a partire dalle due angolazioni proposte dai rapporti mira ad innescare un confronto costruttivo sullo stato attuale e sulle prospettive del sistema universitario.
L’evento si svolgerà dalle ore 10.30 nella Sala “Contento” del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Bari (1° piano).
Dopo i saluti di Antonio Felice Uricchio, rettore dell’Università di Bari, Eva Milella, presidente ARTI e Sebastiano Leo, assessore alla Formazione e Lavoro della Regione Puglia, i rapporti saranno illustrati rispettivamente da Daniele Checchi, consigliere ANVUR e da Vito Peragine e Laura Serlenga, dell’Università di Bari.
Seguirà un dibattito, moderato da Eva Milella, tra  Domenico Laforgia, direttore del Dipartimento Sviluppo economico, Innovazione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia, i rettori Maurizio Ricci (Università di Foggia e Presidente CURC), Antonio Felice Uricchio (Università degli Studi di Bari), Eugenio Di Sciascio (Politecnico di Bari), Emanuele Degennaro (LUM Jean Monnet), la prorettrice dell’Università del Salento Mariaenrica Frigione e Domenico Favuzzi, presidente Confindustria Puglia.
Concluderà il convegno Angela D’Onghia, sottosegretario di Stato al MIUR.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 06 Giugno 2016 @ 14:33  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Entro luglio il Piano strategico del turismo della Puglia

Puglia365: parte il terzo giro di discussione con il tema infrastrutture domani a Martina Franca
Palazzo Ducale – Sala consiliare Piazza Roma

Loredana Capone: “Ottimismo sul futuro della Puglia turistica e grande partecipazione alla costruzione del piano strategico”


Prosegue domani nel Palazzo Ducale di Martina Franca, dalle 15 alle 18, sul tema Infrastrutture, il lavoro di tessitura del Piano strategico del turismo 2016/25, giunto già a due terzi del cammino coinvolgendo insieme con la Regione gli operatori turistici, gli enti locali, le associazioni datoriali e sindacali, il MIBACT, gli opinion leader, le università e i GAL.
I due mesi di aprile e maggio sono serviti per primi due round di discussione in giro per la Puglia che hanno coinvolto 1700 iscritti, 940 partecipanti, 1840 utenti in streaming. Sei i temi del Piano : innovazione, infrastrutture, promozione, prodotto, accoglienza, formazione. I tempi sono stati rispettati sotto la supervisione del Responsabile del Piano, Luca Scandale e del Commissario di Pugliapromozione, Paolo Verri, e adesso nel mese di giugno gli ultimi sei incontri che porteranno alla stesura definitiva del Piano. Diciotto le tappe che stanno toccando tutte le sei provincie della Puglia per valorizzare i rapporti con i territori che desiderano esprimere i loro bisogni e le loro proposte, partecipando alla costruzione del Piano strategico del turismo della Puglia che sarà presentato a luglio al Ministro Dario Franceschini.
“La partecipazione ai tavoli di discussione è buona. Emerge un certo ottimismo degli operatori per quanto riguarda le prospettive di sviluppo del turismo in Puglia da qui al 2025 – afferma l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone - Dal sondaggio “Service Quality- Fra aspettative e soddisfazione”, realizzato dall’Osservatorio di Pugliapromozione in collaborazione con il Comitato di coordinamento del Piano strategico, risulta che il 63,9 ritiene che l’andamento del settore sarà migliore nei prossimi dieci anni rispetto agli anni precedenti. Positiva anche il valutazione sui tavoli di discussione del Piano Puglia 365: in pratica oltre il 90 per cento ritiene utile il lavoro di costruzione del Piano. Per giungere alla strategia definitiva, sulla base della visione condivisa, Pugliapromozione e il suo staff con i Presidenti e i coordinatori di tavolo sta mettendo in campo una elaborazione di “progetti bandiera” che andranno a comporre un portafoglio da trasformare in un vero e proprio business plan, fondamentale per fare quel salto di qualità necessario alle nuove sfide di un mercato in crescita”.

Per quanto riguarda il tema in discussione domani è già emerso che la strategia che guarda al 2025 non può prescindere dai collegamenti aerei che sono risultati decisivi negli anni scorsi per far crescere il turismo in Puglia a partire dal “putting on the map” che i voli low cost ( confermati fino al 2019) hanno rappresentato. In questo ambito dalla discussione è emersa la necessità di coordinare promozione e destinazioni raggiunte dai voli diretti, cercando di ribaltare la logica: non solo fare promozione laddove gli Aeroporti di Puglia hanno collegamenti diretti, ma chiedere ad AdP di collegare direttamente i mercati target per la Puglia emersi dalle ricerche e dalla domanda degli operatori.
Fondamentale è anche razionalizzare i collegamenti interni tramite le ferrovie e valorizzarle come punti di informazione esperienziale. Sempre sul tema Infrastrutture è emersa come strategica la dimensione legata al “Bike tourism”, alla mobilità lenta e al nuovo emergere dei “cammini” come prodotto turistico. Su questo sono previsti investimenti europei, nazionali e regionali: la Puglia è peraltro capofila di due progetti di “cammini” e si propone di incentivare le politiche urbane verso una progressiva pedonalizzazione dei centri storici.(comun.)

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 06 Giugno 2016 @ 12:51  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Negro: le azioni della Regione contro femminicidio. Attuare piano antiviolenza
“Le quotidiane notizie di cronaca ci mettono di fronte alla drammaticità della violenza sulle donne che troppo spesso culmina nel femminicidio. Nonostante la capillarità dei centri antiviolenza sul territorio pugliese, siamo consapevoli che occorre intensificare gli sforzi per arginare e combattere il fenomeno. Per questo chiediamo al Governo l’attuazione del Piano nazionale antiviolenza per poter consolidare e dare continuità alle azioni messe in campo dalla Regione Puglia”. È quanto chiede l’assessore regionale E alle Pari opportunità al Welfare Salvatore Negro. “Il fenomeno della violenza sulle donne e del femminicidio trova radici profonde in un substrato culturale da sradicare in tempi brevi”, sottolinea l’assessore Negro. “È soprattutto sugli aspetti culturali che bisogna lavorare, senza più rinvii, per prevenire tali fenomeni. Il Governo regionale pugliese è in prima fila nello scenario nazionale a sostegno dei centri antiviolenza per la realizzazione di attività di prevenzione, sensibilizzazione e informazione. Ricordiamo che in Puglia nel 2014 sono stati 1.500 gli accessi delle donne nei 16 centri antiviolenza, di poco superiori agli accessi registrati nel 2013. Un dato assolutamente sottostimato perché sconta un sommerso che è immaginabile di grandezze ben superiori. Quello che preoccupa maggiormente è che le donne subiscono violenza soprattutto nel contesto domestico e delle relazioni intime. Di fronte a questi dati che testimoniano un fenomeno in crescita, occorre mettere in campo ogni azione utile che serva non solo ad arginare e contrastare il fenomeno, ma anche a invertire la tendenza culturale. Per questo sollecitiamo ancora una volta il Governo nazionale a procedere con l’attuazione del Piano nazionale antiviolenza, attraverso l’erogazione delle risorse previste dalla Finanziaria 2014 e 2015, per poter consolidare e dare continuità alle azioni messe in campo dalla Regione Puglia”.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 06 Giugno 2016 @ 10:24  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Piemontese, Politiche Giovanili: ecco 7 milioni per Laboratori Urbani

Sono stati mobilitati 7 milioni di euro per la rete dei Laboratori urbani pugliesi. Lo annuncia l’assessore alla Politiche giovanili, Raffaele Piemontese. “Agli entusiasmi suscitati dal bando che abbiamo lanciato il 18 aprile scorso, speriamo segua adesso un lavoro all’altezza della sfida posta dall’Amministrazione Emiliano per Laboratori urbani giovanili attrezzati in modo siano luoghi di elaborazione per i progetti del ciclo di programmazione 2014-2020”. Lo ha detto Piemontese, commentando gli esiti dell’istruttoria tecnica completata cinque giorni fa dalla Sezione Politiche giovanili e Cittadinanza sociale.

Al bando hanno concorso 87 Comuni sui 145 proprietari di uno o più immobili destinati a Laboratorio Urbano giovanile, che erano stati invitati dalla Regione Puglia a presentare progetti di miglioramento funzionale e strumentale, con l’obiettivo di potenziare gli spazi esistenti, certificare i Laboratori Urbani di qualità quanto ad accessibilità, vitalità, sostenibilità economica, vocazione all’inclusione sociale. “Soprattutto – aggiunge l’assessore– abbiamo riposizionato la strategia in base a cui furono creati e li abbiamo proiettati a diventare una vera rete, realizzando un'infrastruttura territoriale per i giovani pugliesi a sostegno delle politiche di attuazione della programmazione comunitaria 2014-2020”. Per un investimento complessivo di 6 milioni 999.298 euro, sono stati ammessi al finanziamento 50 progetti.

In provincia di Bari: Gravina di Puglia 150.000 euro; Locorotondo 141.000; Putignano 150.000; Capurso 149.935,83; Conversano 146.000; Noci 150.000; Castellana Grotte 150.000; Polignano a Mare 150.000; Bari 150.000; Palo del Colle 150.000; Bitonto 150.000; Acquaviva delle Fonti 144.815; Casamassima 149.999.

In provincia di Barletta-Andria-Trani: Bisceglie 106.200; Andria 150.000; Trinitapoli 150.000.

In provincia di Brindisi: San Vito dei Normanni 150.000 euro; San Donaci 150.000; Cisternino 150.000; Mesagne 150.000; Fasano 150.000; Ostuni 150.000. In provincia di Foggia: Lesina 137.519 euro; Ordona 150.000; Manfredonia 120.000; Cerignola 149.995; San Marco in Lamis 150.000; Lucera 150.000; Apricena 150.000.

In provincia di Lecce: Novoli 150.000 euro; Corsano 150.000; Corigliano d’Otranto 150.000; Andrano 85.000; San Donato di Lecce 150.000; Lecce 150.000; San Cassiano 105.000; Monteroni di Lecce 112.341; Caprarica di Lecce 150.000; Tiggiano 150.000; Nociglia 58.400; Surano 150.000; Alezio 148.500; Giuggianello 58.400; Veglie 141.200; Copertino 150.000; Zollino 150.000; Galatina 150.000; Melendugno 150.000.

In provincia di Taranto: Laterza 150.000 euro; Sava 95.000.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 03 Giugno 2016 @ 10:51  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Negro su legge oratori: "Grato per riconoscimento funzione sociale oratori"

L’assessore regionale al Welfare Salvatore Negro ha espresso soddisfazione per l’approvazione all’unanimità da parte della III Commissione consiliare del DDL 115/2015 relativo alle “Disposizioni per il riconoscimento della funzione sociale degli oratori”.

“Sono grato al presidente Pino Romano e a tutti i Gruppi consiliari rappresentati in Commissione per la sensibilità dimostrata su un tema delicato che riguarda il potenziamento della rete dei servizi sui territori attraverso il riconoscimento della funzione sociale degli oratori”, ha sottolineato l’assessore Negro in chiusura dei lavori della Commissione. “Attraverso questo disegno di legge si riconosce agli oratori quell’identità di ponte tra la Chiesa e la strada che offre l’opportunità alle Istituzioni di svolgere in modo efficace una collaborazione tra pubblico e privato a beneficio dei ragazzi e delle famiglie che sono i destinatari finali delle attività sociali, educative e aggregative degli stessi oratori. Ancora oggi, soprattutto nelle zone più periferiche della nostra società, gli oratori hanno una funzione sociale di grande rilevanza in grado di ridurre la marginalità sociale dei soggetti, soprattutto minori a rischio di devianza e discriminazione. Inoltre, queste aggregazioni rappresentano un efficace supporto dei processi identitari delle comunità e dei processi di rigenerazione urbana di quartieri degradati nei contesti urbani e di piccoli comuni e zone rurali, anche partecipando a percorsi di amministrazione condivisa di beni comuni. Adesso - ha concluso l'assessore Negro - auspichiamo che il DDL possa essere approvato in tempi celeri dal Consiglio Regionale". (com)

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 01 Giugno 2016 @ 16:23  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Di Gioia presenta edizione 2016 di "Radici del Sud", festival vitigni autoctoni

Presentato oggi “Radici del Sud”, Festival dei Vitigni Autoctoni, ideato e curato dall’associazione “Propapilla”. L’edizione 2016 si terrà a Una Hotel Regina (Torre a Mare – Noicattaro – Bari) e vedrà la partecipazione dal 13 giugno per 6 giorni di 184 produttori e oltre 400 vini. Per gli organizzatori, sono intervenuti Nicola Campanile e Roberto Manno “Oggi – ha dichiarato di Gioia - viene presentata un’iniziativa importante – con un forte impegno dei privati - per la promozione del territorio, ma anche soprattutto di un comparto importante come quello del vino. Stiamo facendo un lavoro complessivo che si basa su due direttrici: la prima, quella di portare i nostri vini fuori e quindi partecipando a quelle che sono le iniziative, le fiere di rilievo nazionale e internazionale. La seconda, altrettanto importante, ha l’obiettivo di individuare un posizionamento territoriale dei luoghi dove si realizzano le attività e di portare in Puglia o di far muovere i pugliesi per questo tipo di incontri. Queste due strategie, oggi finanziate con il bilancio autonomo, man mano le faremo migrare verso il Psr anche per il marketing, tenendo le aziende insieme e consentendo loro di proiettarsi verso i mercati con l’incoming degli operatori e di quei turisti che sono legati alla qualità del prodotto”. Info: http://www.radicidelsud.it/

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 01 Giugno 2016 @ 12:05  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Curcuruto a presentazione progetto "Suoni della Murgia nel Parco"

Turismo, natura, cultura. Sono queste, le parole chiave della rassegna “Suoni della Murgia nel Parco”, progetto nato dall'incontro tra il Parco Nazionale dell'Alta Murgia e l'Associazione Culturale Suoni della Murgia, che propone una rassegna internazionale di musica popolare in alcuni tra i siti più suggestivi della Murgia. Il programma di questa edizione, presentato in conferenza stampa a Bari, nell’Officina degli Esordi, si snoderà dal 2 giugno al 17 luglio e prevede quattro concerti all'imbrunire, un concerto notturno, quattro concerti serali, quattro percorsi guidati legati ai concerti, due “cicloturistiche” e la seconda edizione di “Murgiapedali”.

Tutti gli eventi sono gratuiti, con posti limitati fino a esaurimento. L’evento è stato presentato dal Presidente del Parco, Cesare Veronico: “Questo festival rappresenta il meglio che il nostro parco possa offrire ai visitatori. Un’iniziativa che si svolge in luoghi di interesse storico, naturalistico, archeologico, che promuove attività in bicicletta e a piedi all’insegna della cultura del benessere e dello sport e si svolge all’interno di alcune aziende del nostro parco.

A questo bisogna aggiungere, ovviamente, l’aspetto artistico: i concerti sono di un livello qualitativo altissimo, il nostro festival tiene insieme un cast assolutamente originale con eventi unici sul territorio nazionale. Suoni della Murgia nel Parco è un progetto che realizza uno degli assi principali dell’azione del nostro parco: la promozione dell’ecoturismo per il quale abbiamo già ottenuto riconoscimenti internazionali come la Carta Europea per il Turismo Sostenibile”.

Alla conferenza stampa ha partecipato Anna Maria Curcuruto, Assessore regionale al Territorio: “Questo festival unisce due armonie: quella della natura e quella della musica, con l’esplicita intenzione di coinvolgere tutti i sensi. Non solo l’udito ma anche la vista, l’olfatto e il gusto dei sapori delle aziende del nostro territorio. È il massimo dell’esaltazione edonistica, l’ideale per una vacanza contenuta nel tempo e nei costi. Un progetto in linea con i progetti messi in campo dalla nostra regione: intendiamo valorizzare i parchi proprio come meta alternativa per un turismo di qualità e questo è uno splendido esempio per promuovere i parchi e le loro iniziative”.

Il programma è stato presentato nei dettagli da Luigi Bolognese, direttore artistico della rassegna: “Suoni della Murgia rinnova per il terzo anno la sua collaborazione con il Parco: è il migliore dei connubi possibili. Avremo concerti all’imbrunire, all’alba e, per la prima volta, un concerto di notte, preceduto da una passeggiata in cui i partecipanti potranno sentire i profumi della Murgia godendo il suo silenzio. Apriremo il 2 giugno, ai piedi del Castel del Monte con il concerto al tramonto degli oni Wytars un grande gruppo di musica medievale tedesco, tra le eccellenze europee nella musica popolare, che realizzeranno uno spettacolo interamente dedicato a Federico II ma per tutta la rassegna porteremo sui nostri palchi alcune delle eccellenze musicali, coinvolgendo anche artisti del nostro territorio”. Tra gli ospiti in programma, Daniele di Bonaventura Band'union, Quartetto l'Escargot, Caora Dhubh, Trioamaro, Raffaello Simeoni & Micrologus, Med'ensemble e Uaragniaun. Programma competo disponibile sul sito www.suonidellamurgia.net (com.)

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 31 Maggio 2016 @ 17:59  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Assessore di Gioia domani mer 1.6 a presentazione IX edizione "Radici del Sud"

 L'assessore alle Risorse agroalimentari, Leonardo di Gioia, parteciperà domani, alle ore 10.00, alla conferenza stampa di presentazione della  IX edizione di "Radici del Sud".

Con l'assessore di Gioia, Nicola Campanile, patron di Radici del Sud: L'incontro con i giornalisti avverrà presso la sala stampa della Presidenza  regionale, (L.mare N. Sauro, 31-33)

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 31 Maggio 2016 @ 17:51  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Puglia365: gli operatori ottimisti sul futuro della Puglia turistica

 
Entro luglio il Piano strategico del turismo della Puglia
Nei primi due mesi 1700 iscritti, 940 partecipanti, 1840 utenti in streaming
Dai questionari dell’Osservatorio sul turismo risulta che oltre il 90% ritiene valida la discussione di Puglia365


Loredana Capone: “Un grande lavoro ed un fermento che sta dando già risultati concreti”

La Puglia turistica non si adagia sugli allori. Solo qualche anno fa non si conosceva quasi niente all’estero della Puglia che non era considerata una vera e propria destinazione turistica nemmeno in Italia; oggi riceve l’oscar della regione italiana più amata da Italia Travel Award, prima edizione del premio nato per celebrare l’impegno e la competenza nel settore turistico. In questo clima positivo nel quale la Puglia è diventata una destinazione cool, la Regione e gli operatori turistici, insieme con gli enti locali, le associazioni datoriali e sindacali, il MIBACT, gli opinion leader, le università e i GAL, sono impegnati a fare un nuovo salto di qualità: si sono rimboccati le maniche per il grande lavoro di tessitura del Piano strategico del turismo 2016/25, giunto già a due terzi del cammino. I mesi di aprile e maggio sono serviti ai primi due round di discussione in giro per la Puglia sui sei temi del Piano : innovazione, infrastrutture, promozione, prodotto, accoglienza, formazione. I tempi sono stati rispettati sotto la supervisione del Responsabile del Piano, Luca Scandale e del Commissario di Pugliapromozione, Paolo Verri, con la partecipazione sempre attiva dell’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, e adesso il lavoro è al rush finale che si svolgerà con gli ultimi sei incontri durante il mese di Giugno che porteranno alla stesura definitiva del Piano. Al termine del secondo ciclo di tavoli di discussione si tirano le somme insieme agli esperti chiamati in causa da Pugliapromozione, Josè Ejarque Bernet, esperto in politiche turistiche e sviluppo territoriale, Roberta Milano, esperta di turismo e comunicazione digitale e Gabriella Ghigi, esperta di turismo congressuale e MICE. Alla intensa giornata di lavoro hanno partecipato oltre ai coordinatori di Pugliapromozione, al Commissario Paolo Verri e a Luca Scandale, i presidenti dei tavoli, Salvatore Nappi, di TIM per il tavolo INNOVAZIONE, Amedeo Maizza, Università del Salento, per il tavolo PROMOZIONE, Giuseppe Acierno, Amministratore unico Aeroporti di Puglia, per il tavolo Infrastrutture, Alessandro Ambrosi, Presidente di Confcommercio Provincia di Bari/B.A.T., per il tavolo Accoglienza, l’imprenditore Aldo Melpignano, per il tavolo Prodotto, e i partner del Comitato Promotore del Piano.
“La Puglia continua a raccogliere riconoscimenti, ultimo l’Italia Travel Award; le previsioni dei flussi turistici sono più che rosee: secondo i primi dati dell’Istituto Piepoli è prevista per la Puglia una stagione record. Ma questo successo della destinazione, costruito certamente con l’impegno di questi ultimi dieci anni, richiede adesso un ulteriore salto di qualità e non può essere il risultato di un fenomeno a volte spontaneo o frutto di un impegno in ordine sparso. Gli operatori ne sono ben consapevoli – commenta l’Assessore Capone - Ci sono molte aspettative per fare di più e meglio. Riscontro un fermento positivo: la partecipazione alla costruzione del piano strategico della Puglia è buona e ad ogni incontro in giro per la Puglia ho la sensazione concreta già di alcuni risultati in termini di costruzione di reti di imprese e di lavoro insieme in una ottica nuova, con l’intento di costruire una strategia di potenziamento delle azioni di promozione che hanno portato all' affermazione del brand, di realizzazione di azioni innovative fondamentali sul piano del prodotto e della destagionalizzazione e di creazione di un nuovo rapporto pubblico privati per creare finalmente un sistema dell'industria turistica e culturale della Puglia” .(...)

 

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 31 Maggio 2016 @ 16:43  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Festa nazionale ciliegie: Emiliano, di Gioia e Decaro alla presentazione

Presentato oggi in Presidenza il programma della Festa nazionale della Ciliegie, che si terrà tra Conversano (dal 2 al 5 giugno) e a Turi (dall’11 al 12 Giugno). A fare gli onori di casa, il presidente Emiliano, l’assessore alle Risorse Agricole, Leo di Gioia, il sindaco di Bari e della città metropolitana Bari,Antonio Decaro, i sindaci di Conversano e Turi Giuseppe Lovascio e Domenico Coppi, nonché gli organizzatori della festa, Livio L’Erede e Vito Damiani.

La prima notizia l’ha data l’assessore di Gioia, che ha annunciato che ieri la Giunta regionale ha approvato una delibera per il riconoscimento dello stato di crisi del settore cerasicolo, che ha dovuto affrontare gravi problemi dovuti agli eventi meteo di questa primavera che hanno danneggiato la produzione.

“Lo stato di crisi – ha spiegato di Gioia – è diverso dallo stato di calamità, perché così si apre uno spiraglio diverso per gli agricoltori, con il dialogo con il Ministero. Siamo poi pronti tramite il PSR a fornire assistenza per la ricostituzione del potenziale produttivo. Ma devo comunque avvisare i nostri produttori che in futuro le maggiori opportunità di ristoro dei danni potranno venire da apposite assicurazioni da stipulare per proteggere il nostro patrimonio di alberi da frutto”.

“Queste feste – ha detto il presidente Emiliano - non sono delle feste di portata ridotta: tutta l’Italia guarda a questo settore pugliese con un’attenzione straordinaria, e i premi che vengono consegnati in queste feste sono ambiti da tutti i cerasicoltori italiani”. “Oltre alla festa e alla qualità produttiva dobbiamo comunque arrivare a un salto di qualità: dobbiamo costruire una filiera agroindustriale che consenta a questo settore anche negli anni difficili, di mantenere alto il livello della domanda e del prezzo. Ed emancipandoci dalla singolare antinomia degli anni buoni, in cui c’è molto prodotto che viene pagato poco, e degli anni difficili con poco prodotto, poiché il prodotto è molto deperibile, il mercato abbassa comunque il prezzo. Abbiamo bisogno di questa filiera, così se proprio le ciliegie non ce le vogliono comprare, ce le vendiamo da soli in un altro modo e diamo una base certa alla nostra produzione, senza venderla ai trasformatori a prezzi da realizzo, coordinando i produttori e rafforzando gli operatori locali. Questo è un settore che ha sì produttori rilevanti, ma anche molti piccoli produttori non professionali, che hanno difficoltà ad accedere alle polizze di assicurazioni “pure”: bisogna trovare anche dal punto di vista legislativo novità di concerto con il Ministero per salvaguardare la caratteristica della nostra agricoltura che non è fatta solo da grandi proprietari terrieri ma da centinaia di produttori con piccoli appezzamenti che riescono comunque a dare un prodotto di qualità. I piccoli coltivatori infatti ci tengono alle campagne belle e le mantengono così al di là della convenienza produttiva. Per quella bellezza poi si viene in Puglia, perché tutto si tiene: l’insieme della bellezza di natura e campagne attira i turisti”.

“Sono particolarmente contento di poter partecipare a questa conferenza stampa - ha detto il sindaco di Bari e della Città Metropolitana, Antonio Decaro - perché mi fa piacere sostenere il coraggio e la determinazione delle organizzazioni professionali agricole che nonostante tutte le difficoltà degli ultimi anni e dell’ultima stagione non si sono date per vinte e anche quest’anno insieme hanno deciso di organizzare la Festa delle ciliegie. Un appuntamento ormai fisso, non solo per cittadini di conversano e per i comuni dell’area limitrofa, ma anche per i turisti che hanno imparato a conoscere e apprezzare quello che noi chiamiamo l’oro rosso della terra di Bari. Sono contento perché questo appuntamento rinnova l’orgoglio e la grande forza d’animo dei nostri agricoltori e dei nostri produttori.

Persone attaccate alla nostra terra e ai suoi frutti a tal punto da andare oltre le difficoltà per amore della nostra più grande ricchezza rappresentata dalle nostre tradizioni e dalla nostra cultura. Anche per questo è giusto che le istituzioni facciano la loro parte e sostengano gli agricoltori e i produttori che quest’anno hanno visto sfumare gran parte del loro raccolto a causa del maltempo. Con il sindaci dei Comuni del sud est barese la settimana scorsa abbiamo fatto un incontro e ringrazio l' assessore Di Gioia della Regione Puglia per aver già avviato le procedure per il riconoscimento dello stato di crisi per sopperire agli ingenti danni. Da sindaco metropolitano sono impegnato a 360° nella promozione dei nostri territori e dei nostri prodotti, in un percorso comune di crescita. In questo percorso sicuramente le ciliegie e la cultura agricola sono due elementi molto importanti che nonostante questo momento di disagio, sono sicuro torneranno ad essere volani determinanti per la crescita dei nostri paesi. Voglio infine ringraziare la caparbietà degli organizzatori che da tredici anni organizzando la festa della ciliegia perché soprattutto nei momenti di difficoltà condividere l’impegno e fare rete ci può aiutare a sostenerci l’un l’altro e a sentirci meno soli”.

Il sindaco di Turi, Domenico Coppi ha ringraziato la Regione per gli interventi dopo le calamità atmosferiche, ricordando che tra Turi e Conversano c’è 1/6 della produzione nazionale di ciliegie, su oltre 7.000 ettari. Anche Giuseppe Lovascio, sindaco di Conversano, ha ringraziato la Regione per gli interventi, “dimostrazione di efficienza e di un lavoro di squadra. Nei prossimi anni cercheremo di coinvolgere anche altri Comuni per creare un sistema di prodotto di qualità”. Livio L’Errede e Vito Damiani hanno infine illustrato nei dettagli il programma della festa.

Foto

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 31 Maggio 2016 @ 13:56  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)