Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

APPROVATA LEGGE REGIONALE PER GESTIONE XYLELLA.

  EMILIANO E DI GIOIA: "CI DOTIAMO DEGLI STRUMENTI PER REAGIRE E TUTELARE L’AGRICOLTURA PUGLIESE"


Appena approvata in Consiglio regionale la Legge per la gestione della Xylella, che consentirà di attuare misure fitosanitarie per prevenire e contenere la diffusione del batterio. La Legge individua la strategia della Regione Puglia ai fini di tutelare il paesaggio, l'ambiente, la salute, l'identità e l'economia delle aree colpite.

"Abbiamo fortemente voluto l'approvazione di questa legge - dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano - per dotare la Puglia degli strumenti di reazione necessari a fronteggiare un disastro fitosanitario che non ha precedenti. La Regione Puglia sta impiegando tutte le energie per contenere la diffusione del batterio e, al tempo stesso, per sostenere le aziende colpite. Un'attenzione particolare sarà rivolta proprio a queste ultime, alle quali non solo bisognerà ristorare i danni da calamita ma alle quali bisognerà anche garantire una visione del futuro con la prospettiva dei reimpianti e coltivazioni compatibili. La nostra agricoltura va sostenuta ad ogni costo".

"La legge approvata oggi dal Consiglio - dichiara l'assessore all'Agricoltura Leonardo Di Gioia - ci consente di avere un quadro normativo di riferimento per coordinare le azioni di contrasto alla Xylella. Usciamo dalla logica dell'emergenza per entrare nella logica della convivenza, dotandoci di strumenti e conoscenze che nel tempo speriamo ci portino a bloccare una fitopatia di cui ad oggi non si conosce la cura".

Foto

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 19:26  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Prowein:circa 60 milioni per l’agricoltura pugliese.

 

Si chiude oggi: a Dusseldorf grande interesse del mercato tedesco per i vini di Puglia. Le cantine potranno investire in tecnologia

“Nei prossimi mesi la Regione Puglia finanzierà con circa 60 milioni di euro bandi destinati a cantine, frantoi e sistemi di trasformazione dell’ortofrutta”. A dare l’annuncio l’assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo Di Gioia: nei giorni scorsi a Bruxelles – spiega - abbiamo avuto un negoziato con la Commissione europea per decidere in che modo aiutare questi settori. La soluzione è stata trovata all’interno della misura 4.2 confermando gli aiuti riservati alle aziende. Il sistema delle cantine – sottolinea Di Gioia - avrà un grande beneficio da questo intervento e potrà giovarsi di investimenti tecnologici, innovativi ed ecocompatibili, per rispettare quei criteri ambientali che rappresentano un valore aggiunto per i consumatori”.

Nella stessa direzione volta a promuovere il settore vitivinicolo, la Regione e Unioncamere Puglia hanno coordinato la partecipazione di oltre 60 imprese alla 22esima edizione del ProWein di Düsseldorf che si chiude oggi. Le aziende vitivinicole pugliesi hanno esposto il meglio della propria produzione all'interno dell'area istituzionale allestita nello stand A31, Padiglione 16.

Protagonisti nel 2017 i tre vitigni autoctoni principali della Puglia a bacca rossa: Nero di Troia, Primitivo e Negroamaro. Quest'ultimo declinato anche nel rosato, vino particolarmente apprezzato nel Nord Europa e in Germania. L'offerta dei rosati si è ulteriormente arricchita per far fronte alla richiesta di buyer e ristoratori europei con etichette prodotte anche dalla vinificazione del Bombino nero di Castel del Monte, il più antico Docg di Puglia.

Molte le novità presentate nell'importante fiera tedesca; primitivi vegani e biologici, vini bianchi ottenuti da antichi vitigni salvati dall'estinzione e rivalorizzati, come il Minutolo e il Fiano di Puglia, spumanti e champagne bianchi e rosati, prodotti sia in metodo classico che Martinotti.

Una vetrina di rilievo per i vini di Puglia i wine tasting guidati dal giornalista Christian Eder, nell’area dell’editore Vinum, che per la fiera ha preparato un dossier sulla Puglia del vino, coniugando bellezze paesaggistiche e tipicità vinicole del territorio. Ogni giorno è stata ripercorsa la storia di Primitivo, Negroamaro e Nero di Troia con la degustazione di etichette rappresentative per ogni vitigno.
“C’è molta curiosità da parte dei consumatori tedeschi per i vini pugliesi – dice il giornalista di Vinum Christian Eder – e per la diversità di paesaggi e culture. L’interesse per le varietà autoctone è molto di moda: la Puglia ha la fortuna di avere questi tre tipi di vitigni, Nero di Troia nella zona settentrionale, Primitivo al centro e Negroamaro al sud, che danno origine a un vino ideale per il consumatore nordico che ama profumi, gusti e suggestioni legati alla “dolce vita”. La Puglia – continua Eder - dopo aver lavorato molto sulla quantità si sta impegnando per puntare sulla qualità e sui brand. La rinascita della Puglia a cui assistiamo negli ultimi anni è anche la rinascita di una viticoltura tradizionale, di piccole imprese familiari che mettono il vino prodotto sul mercato. È certamente una sfida impegnativa perché ormai l’offerta di vino buono è dappertutto”.

Nello spazio Enoteca dello stand A31, la De.S.A. (Deutschland Sommelier Association) ha promosso tutti i giorni degustazioni delle etichette storiche e delle novità proposte dagli espositori, con focus di approfondimento dedicati ai vini pugliesi.

Sulla pagina Facebook FEELING APULIA è possibile seguire gli appuntamenti live dal ProWein 2017.

Foto  Foto2  Foto 3

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 16:45  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Giunta regionale. Seduta conclusa


Conclusa la seduta della Giunta regionale. Di seguito, in sintesi, i principali argomenti discussi ed approvati:


AQP.La Giunta regionale, dando seguito alla mozione approvata dal consiglio regionale il 21 febbraio scorso, ha  istituito il tavolo tecnico paritetico con il compito di delineare soluzioni tecnico-giuridiche che consentano di garantire la gestione pubblica del Servizio idrico integrato (SII).
Del gruppo di lavoro fanno parte i rappresentati indicati dal Comitato pugliese “Acqua Bene Comune”, oltre ad esponenti del Consiglio regionale e dell’Esecutivo, e tecnici che saranno indicati indicati da AQP e AIP.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale, preso atto che con l’entrata in vigore del R.R. 6/2016 e dei piani di gestione approvati risultano superate le indicazioni tecniche per gli interventi forestali e selvicolturali riportati nelle D.G.R. 2250/2010, 34/2015 e 1595/2015, ha approvato le seguenti indicazioni tecniche per gli interventi forestali e selvicolturali nei Siti della Rete Natura 2000, prevedendo che:
1. “Per gli interventi selvicolturali su superfici non superiori a 10 ettari, la procedura di Valutazione di Incidenza si intende positivamente espletata, mediante invio della copia del progetto di taglio, unitamente alla dichiarazione sottoscritta dal proponente congiuntamente al tecnico incaricato ai sensi del DPR n.445/2000 di conformità alle disposizioni dei Regolamenti Regionali 28/2008 e 6/2016 e loro s.m.i. ovvero conformemente a quanto disposto dai Piani di gestione approvati, ed inviata all’Autorità competente per il rilascio delle VINCA, che potrà esprimersi in merito a detta conformità entro 30 giorni dalla ricezione della medesima documentazione.

2. “I residui di lavorazione non possono essere bruciati e devono essere cippati/trinciati in loco, salvo casi di gravi attacchi parassitari, certificati dall’Osservatorio Fitopatologico Regionale o in evidenti condizioni di impossibilità ad eseguire altro tipo di distruzione, certificate dalla Sezione Gestione sostenibile e tutela delle risorse forestali e naturali. Le operazioni di eliminazione dei residui delle operazioni selvicolturali devono essere concluse entro il 15 marzo, salvo in casi accertati e documentati con idoneo certificato di sospensione e ripresa dei lavori, a causa di periodi di prolungata inattività dovuti a avverse condizioni climatiche. L’eventuale proroga, da richiedere all’Autorità di Gestione del sito Rete Natura 2000 di riferimento, deve pervenire entro e non oltre il 1° marzo dell’anno di riferimento, non potrà essere estesa oltre il 31 marzo e, comunque, limitata alla eliminazione dei residui delle operazioni selvicolturali.”
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La Giunta regionale, avviate le procedure di selezione delle operazioni (a valere sulla Azione 9.12 del POR Puglia 2014-2020) in favore delle Aziende Ospedaliere Universitarie e degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico pubblici del SSR, ha approvato lo schema di Protocollo di intesa tra la Regione Puglia e le Direzioni Generali delle Aziende Ospedaliero Universitarie e degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico pubblici che individua l’iter procedurale cui le Aziende dovranno attenersi per selezionare gli interventi da finanziare, definire le progettazioni tecniche per rendere gli interventi immediatamente cantierabili, individuare l’ordine prioritario di ammissione a finanziamento e il relativo concorso possibile agli obiettivi di spesa del POR Puglia 2014-2020.

 

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 16:19  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Capone a confstampa su : 99 BORGHI# RACCONTOPUGLIESE

 L’assessore all’industria turistica e culturale, Loredana Capone, parteciperà alla conferenza stampa di presentazione di “ 99 BORGHI # RACCONTOPUGLIESE”- progetto nato dalla collaborazione di Confcommercio Puglia e PugliaPromozione- che si svolgerà venerdì 24 marzo, alle ore 12.00, presso la Sala Stampa della Presidenza regionale ( L.mare N.Sauro, 31-33). 

Con l’assessore Capone,saranno presenti:

Alessandro Ambrosi – Presidente Confcommercio Puglia
Giuseppe Chiarelli - Direttore Confcommercio Puglia
Pietro Palermo - Confguide Confcommercio Bari - Bat

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 15:27  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Tavolo tecnico sulla Xylella, Emiliano: massimo impegno della Regione Puglia

Ricerca.Monitoraggi.Sostegno alle aziende.


“Possiamo dire che tra la manifestazione di sabato scorso a Lecce e quella di oggi abbiamo potuto dimostrare con chiarezza che la Regione Puglia sta seriamente affrontando il problema della Xylella, sia dal punto di vista del sostegno alla ricerca scientifica per individuare una possibile cura, sia dal punto di vista del sostegno alle aziende olearie che in questo momento vivono una situazione di crisi a causa del calo della produzione”. Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a margine del Tavolo sulla questione Xylella che si è tenuto oggi a Bari insieme ai sindaci e ai rappresentanti delle associazioni, nella sala Guaccero del consiglio regionale.
“Abbiamo concordato con tutte le organizzazioni – ha spiegato Emiliano – di andare avanti sul percorso della legge che avevamo presentato e, quindi, abbiamo ricomposto l’unità di tutta la comunità pugliese attorno al problema del contrasto alla Xylella. La Puglia sarà la prima regione ad avere un’agenzia specifica, come del resto era già previsto, di contrasto a questa patologia che non possiamo ancora guarire. Possiamo rallentarne la diffusione e soprattutto sostenere le imprese agricole nel reimpianto di nuovi ulivi, se l’Unione europea ce lo consentirà, ma anche per avviare nuove attività colturali che costituiscano una valida alternativa alla olivicoltura”.
“Stiamo parlando di una materia che ci provoca una sofferenza enorme. Noi – ha continuato il Presidente della Regione Puglia – eravamo abituati a considerare gli ulivi immortali. Accettavamo più facilmente persino l’idea della morte naturale di una persona cara che la morte di un ulivo secolare. Adesso la Puglia ha capito che i nostri ulivi stanno morendo, ma evidentemente la nostra civiltà e la nostra economia non può fermarsi neanche davanti a un dramma così grande”.
“Metteremo a disposizione del settore – ha concluso Emiliano – somme importanti, decine di milioni di euro che serviranno a sostenere le imprese olearie, sulle quali avevamo investito moltissimo negli anni scorsi per qualificare le loro produzioni e per consentire di conquistare i mercati esteri con olio di eccellenza. È chiaro che non possiamo abbandonare le imprese e daremo una mano per superare questo momento e per diversificare anche le loro produzioni, sperando di chiudere in fretta l’accordo con la Unione europea. La Puglia sta facendo un lavoro di controllo di massa su milioni di ulivi che sta frenando la malattia, ma non possiamo garantire di riuscire a fermarla e ad isolarla in Puglia. Quello che è sicuro è che questa attività è portata avanti solamente dalla Regione Puglia ed è finalmente funzionale dopo anni di dichiarazioni di stato di emergenza da parte dei governi nazionali, che purtroppo non avevano portato a risultati. La Puglia si è rimboccata le maniche e sta fronteggiando nella maniera migliore una malattia attualmente non guaribile”.

 

Foto  Foto2   Foto3

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 14:47  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Al via 15esima edizione Salone Nautico di Puglia

 

 

Quindicesima edizione del SALONE NAUTICO DI PUGLIA, seconda nel capoluogo barese. Tema di quest’anno la Blu economy e le opportunità per lo sviluppo di una filiera che vale oltre 30 miliardi di euro.
La manifestazione, che si svolgerà nel Nuovo Padiglione della Fiera del Levante dal 29 marzo al 2 aprile 2017, sarà presentata dal Presidente Snim Giuseppe Meo, giovedì 23 alle 11, in una CONFERENZA STAMPA (Sala Stampa Presidenza della Regione Puglia, L.mare N. Sauro, 31-33) nella quale saranno resi noti il calendario degli eventi delle cinque giornate, i focus tematici, le attività collaterali del villaggio dello sport allestito dal Coni Puglia.
Prenderanno parte alla conferenza stampa, Loredana Capone, assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia; Sebastiano Leo; assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale; Raffaele Piemontese, assessore allo sport; Sandro Ambrosi, presidente Camera di Commercio di Bari; Pietro Petruzzelli, assessore allo sport del Comune di Bari; Angelo Giliberto, Presidente Coni Puglia. (comun.)

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 14:23  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Emiliano Negro Pasqualone presentano PTA Fasano Mesagne San Pietro Vernotico

 

Procede in Puglia l’attuazione del Piano di riordino ospedaliero con un deciso cambio di passo per quanto riguarda l’avvio di un nuovo modello organizzativo che si declina con la presa in carico globale del paziente. Una sanità dunque moderna e innovativa che passa anche attraverso la riconversione degli ospedali dismessi. Riconversione che sostanzialmente va in direzione di una netta riqualificazione dei servizi ospedalieri e delle strutture nell’ottica di una sanità sempre più al servizio dei territori, sempre più qualificata ma soprattutto sempre più sicura per i cittadini che la utilizzano.

Questa mattina in conferenza stampa il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore al Welfare Salvatore Negro hanno illustrato i tre accordi (già firmati e operativi) per la riconversione in PTA dei tre ospedali della provincia di Brindisi, Fasano, Mesagne e San Pietro Vernotico.

“Oggi abbiamo presentato la strutturazione delle organizzazioni territoriali sanitarie che prenderanno il posto degli ospedali riconvertiti di Fasano, Mesagne e Sani Pietro Vernotico – ha detto il presidente Emiliano intervenendo in conferenza stampa - queste riconversioni in realtà daranno vita a PTA già finanziati (e che quindi realizzeremo in tempi brevissimi) e che consentiranno di introdurre ulteriori possibilità di diagnosi e cura per i cittadini vicino al luogo della loro residenza. Tutto questo senza però avere il costo gravoso di ospedali che non garantivano la sicurezza, concentrando i servizi nelle sedi maggiormente efficienti e dedicate alla cura delle acuzie”.

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 13:52  » Comunicati S. Stampa Presidente «
XXII Giornata della Memoria, Emiliano: la lotta alla mafia non può fermarsi.

 Solidarietà ai Sindaci e a don Ciotti

“La lotta alla mafia come tutte le grandi battaglie non può fermarsi”.Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenendo questa mattina a Bari alla XXII^ Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.
“ Noi cerchiamo di fare memoria - ha continuato Emiliano – di tutti coloro che abbiamo perduto in questa battaglia, sono i martiri della mafia e sono in gran parte uomini e donne del Sud. Come la mafia è nata nel Sud, così è il Sud ad aver generato gli anticorpi per combatterla, un Sud che si sta battendo da sempre e con grandissimo coraggio. La Puglia non poteva mancare a far sentire la sua voce in questa giornata così importante. Una giornata in cui vogliamo dare tutta la nostra solidarietà ai sindaci, agli amministratori che vengono minacciati ed in particolar modo a Don Luigi Ciotti”.
“Siamo tutti un po’ sbirri, perché gli sbirri sono i nemici della mafia”, ha spiegato il Presidente Emiliano in riferimento alle recenti scritte ingiuriose rivolte al fondatore di Libera nella recente iniziativa antimafia fatta a Locri. “Questa parola – ha detto Emiliano – è un insulto, lo hanno utilizzato contro di me tante volte quando facevo il magistrato, però dobbiamo prendere atto che per fare in modo che questi insulti siano sempre meno efficaci, dobbiamo distribuire questo compito di essere sentinelle dell’antimafia a tutti i cittadini di buona volontà non solo alle forze dell’ordine e reagire secondo le regole che don Luigi ci ha insegnato: quelle dell’antimafia sociale e quelle delle responsabilità nell’esercizio delle nostre funzioni, qualunque esse siano, che marginalizzano la mafia e le tolgono il terreno di coltura".

Foto  Foto2  Foto3   Foto4         Qui il Link:  https://goo.gl/96cWDh

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 13:24  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Capone a presentazione Opera in Puglia, a Lecce

 
“Opera in Puglia”
Stagione Lirica 2017
diretta da Giandomenico Vaccari

Opere in scena
a Lecce, Brindisi, Barletta, Foggia
“La Traviata”
“Madama Butterfly”


“Opera in Puglia” si chiama così la stagione lirica 2017 diretta da Giandomenico Vaccari, con il coordinamento di Maurilio Manca, che dal 7 aprile al 3 maggio andrà in scena al Teatro Politeama Greco di Lecce per approdare, per la prima volta, anche a Brindisi, Barletta e Foggia.
Promossa dalla Regione Puglia, con il Teatro Pubblico Pugliese, “Opera in Puglia” rappresenta una scommessa sul futuro della distribuzione della musica classica in Puglia e un nuovo e importante inizio che marca il rapporto indissolubile tra l’opera e il teatro di tradizione e l’opera e il territorio.

“Il belcanto - ha detto l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone - è parte indissolubile della tradizione culturale della Puglia. L'idea di una stagione lirica
regionale nei grandi teatri storici e nei teatri comunali è coerente con le politiche di valorizzazione dei talenti artistici della nostra regione e di arricchimento dell'offerta culturale nella logica di “In Puglia 365”. Siamo certi che il pubblico tradizionale della lirica accoglierà con grande favore l'iniziativa della Regione ma noi guardiamo anche ai pubblici nuovi e, soprattutto, ai giovani perché siamo convinti che l'opera possa ancora emozionare. “Opera in Puglia” vuole anche essere la dimostrazione che quando le istituzioni si parlano si possono raggiungere risultati straordinari. In quest’ottica rientra la collaborazione con la Fondazione Petruzzelli per gli allestimenti, o quella con la Provincia di Lecce attraverso l'Istituto di Culture Mediterranee, che oltre che a salvare il grande patrimonio di professionisti dell'Orchestra ex Tito Schipa, oggi OLES, ci consentirà, mi auguro, di recuperare anche il prezioso archivio. Il nostro obiettivo è valorizzare le grandi risorse che la Puglia custodisce, per quesa ragione ci stiamo muovendo anche verso le orchestre di Bari e di Taranto, e verso il Festival di Martina Franca. Seconda una logica inclusiva e plurale dell'offerta musicale della regione”.

“Opera in Puglia” ospiterà artisti e direttori d’orchestra pugliesi già presenti nei cartelloni d’opera nazionali e internazionali e porterà in scena due tra i più celebri e amati capolavori del melodramma italiano: “La Traviata”, di Giuseppe Verdi, diretta da Vlad Conta e “Madama Butterfly”, di Giacomo Puccini, diretta da Gianna Fratta.

 

 

“È un importante punto di partenza “ – ha aggiunto il direttore artistico, Giandomenico Vaccari – perché persegue l’obiettivo della produzione e diffusione dell’opera lirica su tutto il territorio regionale e perché si affianca al rilancio di Oles. Oles sarà la protagonista della stagione 2017, che partirà proprio dal palcoscenico storico della lirica nella città Lecce, il Teatro Politeama Greco, per poi sbarcare in tre altri meravigliosi teatri della regione. Accanto all’Orchestra una folta presenza di cantanti e direttori d’orchestra pugliesi, già affermati in Italia e all’estero, a riconferma della grande ricchezza di talenti formati dai nostri Conservatori”.

Dalla nuova stagione lirica passa, infatti, il rilancio di una delle principali orchestre di Puglia, l’Orchestra sinfonica di Lecce e del Salento, OLES, nata dalle ceneri della Ico Tito Schipa, che oggi, grazie all’intervento della Regione Puglia, torna a essere finalmente protagonista.

“Siamo grati alla Regione Puglia, al presidente Emiliano e all’assessore regionale Loredana Capone, - è intervenuto Carmelo Grassi, presidente del Teatro Pubblico Pugliese - per l’impegno e la determinazione nell’aver voluto mantenere viva una tradizione, la lirica, così radicata sul territorio salentino, e per il salvataggio in extremis di Oles come di tutte le ICO di Puglia che, con la legge Delrio e il riordino delle funzioni provinciali, rischiavano di chiudere per sempre i battenti. Opera in Puglia è il primo esempio di circuito di musica lirica nel Mezzogiorno, il Teatro Pubblico Pugliese è felice di essere parte di questo nuovo processo e di poter aggiungere alle attività che già distribuisce anche la musica lirica”.

Ma “Opera in Puglia” segna due ulteriori importanti risultati: la collaborazione con la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari, che metterà a disposizione gratuitamente l’intero materiale per l’allestimento de “La Traviata” e i costumi per “Madama Butterfly”, e quella con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce che, oltre ad aprire l’Aula Magna per le prove d’orchestra, coinvolgerà, per la prima volta, i giovani strumentisti della classe di “esercitazioni orchestrali” nell’Orchestrina fuori scena de “La Traviata”. Una novità, quest’ultima, particolarmente significativa perché s’inserisce all’interno di un percorso più ampio, voluto dalla direzione artistica di “Opera in Puglia”, che si propone di aprire con le scuole un dialogo ancora più serrato e proficuo. L’obiettivo è sensibilizzare i più giovani alla musica lirica e alla conoscenza del meraviglioso mondo dell’Opera, cercando di suscitare in loro curiosità, interesse e divertimento in modo da renderli partecipi delle diverse fasi di costruzione dello spettacolo: dal canto alla recitazione, dalla scenografia alla caratterizzazione dei personaggi, dai costumi al trucco. Fornire una visione d’insieme raccontando in modo più agile e innovativo una forma d’arte, un fenomeno nazionale e mondiale, che oggi, purtroppo, rischia di restare sconosciuto e poco apprezzato soprattutto tra le nuove generazioni.
“Opera in Puglia” è finanziata nell’ambito delle “Azioni di Valorizzazione della cultura e della creatività territoriale” a valere sulle risorse FSC Puglia 2014-2020 - Patto per la Puglia, Area di intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”.


Le Opere in cartellone

“La Traviata”, opera in tre atti di Giuseppe Verdi, è andata in scena per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo del 1853. È tratta dalla pièce teatrale “La signora delle Camelie” di Alexandre Dumas (figlio). Opera dal soggetto coraggioso e anticonvenzionale, “La Traviata” conclude la famosa “Trilogia popolare” di Verdi che comprende “Il Rigoletto” e “Il Trovatore”.


Il dramma lirico de La Traviata racconta la storia d'amore fra un giovane di onorata famiglia ed una cortigiana di dubbi costumi. I pregiudizi sociali divideranno i due amanti, riuniti dalla verità e dall'amore qualche minuto prima della morte di tisi di Violetta. Due sono i cardini del dramma: amore e morte e intorno a questi s'aggira l'ispirazione del musicista che forse non salì mai tanto in alto nell'esprimere il dolore. La morte è già negli estenuanti accordi con cui si apre il preludio, sembra che Verdi intenda darci, col preludio dell'opera, una sintesi rapida del dramma, e vi riesce mirabilmente.

“Madame Butterfly” è un’opera in tre atti di Giacomo Puccini. Appartiene al grande primo
novecento musicale italiano. La prima andò in scena, alla Scala di Milano, il 17 febbraio 1904
subendo una clamorosa e inattesa bocciatura da parte del pubblico. Sette mesi dopo l’opera riprese
il suo cammino trionfale. Tragedia giapponese, la Butterfly racconta l’infelice storia di una piccola
geisha e del suo impossibile amore per un ufficiale americano. Dramma moderno, dotato di un
apparato musicale complesso e folgorante, è ancora oggi un caposaldo del grande melodramma del
Novecento classico.

Le recite in Puglia

“La Traviata” di Giuseppe Verdi

7-8-9 aprile
Teatro Politeama Greco di Lecce

11 aprile
Nuovo Teatro Verdi di Brindisi

13 aprile
Teatro Giordano di Foggia

19 aprile
Teatro Curci di Barletta


“Madama Butterfly” di Giacomo Puccini

30 aprile - 2/3 maggio
Teatro Politeama Greco di Lecce

7 maggio
Nuovo Teatro Verdi di Brindisi

11 maggio
Teatro Giordano di Foggia

9 maggio
Teatro Curci di Barletta

 

Biografia Giandomenico Vaccari

Giandomenico Vaccari si è formato nel Teatro Petruzzelli di Bari dove, negli ottanta, è stato coordinatore artistico e responsabile delle attività d’opera. Nel decennio successivo, approdando negli Enti lirici, ora Fondazioni lirico sinfoniche, è stato segretario artistico del Teatro Comunale di Bologna e del Teatro Carlo Felice di Genova e consulente artistico del Valli di Reggio Emilia e poi del Teatro dell’Opera di Roma. La sua prima direzione artistica è stata al Teatro Giuseppe Verdi di Trieste dove approda nel 1998. Nello stesso tempo lavora come direttore artistico al Teatro Verdi di Salerno. Dopo quattro anni nella città giuliana viene nominato direttore artistico del Teatro di San Carlo di Napoli dove rimane fino al 2005 quando assume la sua prima Sovrintendenza tornando al Petruzzelli di Bari. Nel 2013 viene nominato consigliere di amministrazione dell’Apulia Film Commission dove diventa Vicepresidente nel 2016. Nell’estate 2016 è nominato, dalla Regione Puglia, direttore artistico dell’ Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento OLES.


OLES, l’Orchestra sinfonica di Lecce e del Salento

L’orchestra ha ripreso la sua attività nel settembre 2016 grazie all’intervento della Regione Puglia a sostegno della filiera dello spettacolo e rivolto alle attività concertistico-orchestrali delle tre ICO pugliesi. In tre mesi OLES ha eseguito quasi quaranta concerti su tutto il territorio regionale. Ha ospitato direttori d’orchestra e solisti di fama nazionale e internazionale ed è tornata ad esibirsi nella sua casa di sempre, il Teatro Politeama Greco di Lecce, con un concerto lirico sinfonico e l’esecuzione del balletto “La Bella Addormentata”, di Ciaikovsky, in collaborazione con Fredy Franzutti e il Balletto del Sud.

 

 

Foto  Foto2

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 12:41  » Comunicati S. Stampa Giunta «
LEO: “Importanti passi in avanti sui Centri per Impiego"

L’Assessore all’istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo ha partecipato alla riunione della IX Commissione della Conferenza delle Regioni per preparare l’incontro odierno con il Ministro Poletti.
Gli Assessori regionali hanno condiviso con il Ministro l’esigenza di dare un assetto stabile al sistema dei Centri per l’Impiego, uscendo dal regime transitorio degli ultimi tre anni, e confermando la disponibilità delle Regioni a farsi carico del personale addetto, in presenza di certezze sulla partita finanziaria che dovrà essere garantita dal governo centrale, e di norme idonee ad affrontare il tema della capacità assunzionale delle regioni che non dovrà risultare intaccata da questa operazione.

"A partire dal 2018 - ha dichiarato Leo - dovrà essere individuato un meccanismo stabile di finanziamento del sistema dei servizi che consenta alle regioni di dotarsi delle strutture organizzative necessarie e di dare certezze al personale rimasto nei Centri per l’Impiego. Al tempo stesso occorre al più presto definire il percorso di rafforzamento di questo personale, oggi del tutto insufficiente ad affrontare le sfide poste dalla attuazione delle nuove politiche attive per il lavoro. Il Ministro deve darci certezze sui tempi in cui si concluderà il percorso di rafforzamento e di quelli in cui verrà definita la governance dei prossimi anni”.

Al Ministro Poletti, gli Assessori chiedono anche di garantire per il 2017 l’erogazione dell’intera somma stanziata nell’ultima legge di bilancio per il finanziamento dei CPI, anche se superiore a quella originariamente prevista nell’Accordo Stato-Regioni, così da consentire interventi strutturali assolutamente necessari.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 10:52  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)