Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

IL PRESIDENTE EMILIANO OGGI DAL MINISTRO DELL'INTERNO MINNITI

 

Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, accompagnato dal dirigente della Sezione Sicurezze del cittadino politiche per le migrazioni ed antimafia sociale, Stefano Fumarulo, ha da poco concluso a Roma, al Viminale, una riunione con il Ministro dell'Interno, On. Marco Minniti e con il Capo di Gabinetto del Ministro, Prefetto Mario Morcone. Durante l'incontro il Presidente Emiliano ha consegnato la mozione approvata all'unanimità dal Consiglio Regionale il 7 marzo scorso con la quale si chiede l'istituzione di una sezione operativa della DIA e di una sottosezione dello SCO nella Provincia di Foggia. Si sono anche analizzate con attenzione le conseguenze della chiusura del cosiddetto "gran ghetto" e più in generale le prospettive collegate alla prossima stagione di raccolta agricola in Capitanata. "Sono particolarmente grato al Ministro Minniti - dichiara il presidente Emiliano - perché ha mostrato ancora una volta grande attenzione nei confronti delle diverse criticità presenti in Puglia e più nello specifico nella provincia di Foggia. Il Ministro ha rinnovato l'impegno ad istituire un Reparto Prevenzione Crimine che potrebbe avere sede a San Severo ed ha auspicato la partecipazione della Regione Puglia al tavolo di lavoro attivo in Prefettura. Per quanto riguarda la mozione approvata dal Consiglio Regionale si è deciso di sottoporre la decisione anche alla valutazione della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Bari e della Prefettura di Foggia sulla base delle esigenze investigative, immaginando una operatività flessibile delle sezioni specializzate. Per quanto riguarda il contrasto al caporalato, il Ministro Minniti ha confermato la soddisfazione per l'operazione congiunta che ha portato alla chiusura del "gran ghetto". La positiva sinergia proseguirà sia in questa fase, durante la quale si proseguirà con l'azione parallela di controllo del territorio e di accoglienza diffusa dei migranti che fino a febbraio scorso erano obbligati a vivere nel ghetto, sia in quella estiva per la quale proseguiranno gli incontri tra la Regione Puglia ed il Ministero dell'Interno per analizzare le necessità e realizzare tutte le attività che saranno ritenute opportune".

Foto

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 23 Marzo 2017 @ 19:38  » Comunicati S. Stampa Presidente «
LUDOPATIA, EMILIANO: "MISURE DEL GOVERNO INADEGUATE"

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano dichiara: "La ludopatia è in Italia un fenomeno di grande rilevanza sociale, si rende indispensabile trovare soluzioni che possano affrontare il problema e tentare di arginarlo.

Il governo italiano purtroppo, per voce del sottosegretario Baretta, sta presentando delle proposte che, a mio avviso sono inadeguate, e che non daranno alcun contributo alla causa.

La strada intrapresa dall’esecutivo non solo non limiterà l’accesso al gioco, ma potrebbe addirittura provocare l’effetto contrario.

In sintesi il governo propone di spostare il luogo del gioco dagli attuali esercizi pubblici in sale dedicate, veri e propri “mini-casinò”. Non posso che esprimere dubbi questa soluzione.

Il rischio, infatti, è quello di creare dei veri e propri “recinti” dove i giocatori sopratutto quelli affetti da ludopatia o a rischio ludopatia, verrebbero abbandonati al proprio destino.

Sono intervenuto durante le sessioni delle conferenza Stato-Regioni dedicate alla discussione della proposta del Governo e ho ribadito alcuni concetti che, a mio avviso, non possono che essere recepiti nel provvedimento governativo in discussione.

In primo luogo occorre impedire ai ludopatici l’accesso alle sale gioco.

Per raggiungere tale obiettivo è necessario migliorare tecnologicamente le macchine da gioco superando le vecchie VTL e riducendone in maniera significativa il numero su tutto il territorio nazionale.

È necessario, poi, dotare le macchine da gioco di meccanismi in grado di attivarsi solo con la tessera sanitaria di ogni giocatore. In questo modo, tra l’altro, si potrebbe evitare un'altra piaga che affligge tante famiglie italiane: il gioco minorile. Inoltre in ogni punto gioco è necessaria la presenza di personale appositamente formato a gestire il fenomeno del gioco, in modo da prevenire possibili derive sociali.

In secondo luogo è necessario evitare che il proliferare delle sale da gioco possa favorire l’infiltrazione da parte della malavita organizzata che da tempo ed in maniera crescente investe parte dei profitti derivanti da attività illecite".

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 23 Marzo 2017 @ 19:35  » Comunicati S. Stampa Presidente «
La scomparsa di Reichlin,Emiliano:uomo del Sud, legame fortissimo con la Puglia

 


“La scomparsa di Alfredo Reichlin è una notizia che mi addolora molto. Era nato a Barletta, ma era andato via subito dalla Puglia, ma mantenne con la nostra regione un legame così forte che il PCI lo indicò come segretario regionale e fu anche consigliere comunale”.
Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha ricordato Alfredo Reichlin, partigiano, parlamentare e direttore dell’Unità deceduto ieri a Roma all’età di 91 anni.
“Molto spesso – ha continuato Emiliano – soprattutto durante la mia esperienza di Sindaco di Bari, mi è capitato di incontrarlo. Reichlin manteneva un’idea modernissima della questione meridionale, mai legata alla solita retorica del riequilibrio per il riequilibrio. Aveva invece compreso l’energia potente che il Mezzogiorno ha sempre messo a disposizione del Paese e che spesso l’Italia ha ignorato per incapacità di comprendere fino in fondo qual è il senso della nostra identità. Il Mezzogiorno rimane nelle sue conversazioni e indicazioni come una questione centrale dell’unità del Paese, evitando di rinchiudersi nel recinto della retorica banale e cercando di dimostrare concretamente quanto noi possiamo fare per il bene dell’Italia intera. Giungano alla sua famiglia il cordoglio e la vicinanza della Regione Puglia”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 22 Marzo 2017 @ 11:27  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Sanità. Emiliano: Sbloccati 420 milioni di quota premiale per la Puglia

  
Oggi a Roma il direttore Ruscitti al tavolo di verifica MEFper il confronto sul Programma operativo 2016-2018

Si è concluso il tavolo tecnico di verifica MEF che si è svolto questo pomeriggio a Roma e al quale ha partecipato il direttore del Dipartimento delle Politiche della Salute e del benessere sociale della Regione Puglia, Giancarlo Ruscitti.

“La Puglia ha ottenuto lo sblocco della quota premiale 2013/2014 per complessivi 420 milioni di euro – ha commentato il presidente Emiliano al termine dell’incontro - queste risorse, ricordiamo, sono state anticipate alla sanità dal bilancio regionale perché non avendo raggiunto gli obiettivi in quegli anni, la quota premiale fu bloccata. L’amministrazione Emiliano è riuscita a superare alcune inadempienze con il prezioso lavoro degli uffici e con gli atti predisposti nel 2017, motivo per cui i 420 milioni saranno in piena disposizione della Giunta regionale e del suo Presidente. Per il 2015 invece, abbiamo risolto comunque le inadempienze ma stiamo aspettando, così come tutte le altre regioni, anche quelle cosiddette virtuose, che il Ministero dell’economia sblocchi le quote premiali (circa 200 milioni di euro per la Puglia)”.

Il direttore del Dipartimento Giancarlo Ruscitti ha aggiunto che “la Puglia ha chiuso il bilancio della sanità 2016 in equilibrio economico evitando così tutte le procedure relative al commissariamento”.

“Infine – ha concluso Ruscitti - è proseguita la discussione sul Programma Operativo, il cui impianto è stato condiviso pienamente dai ministeri. Anche gli obiettivi di risparmio che la Puglia sta portando avanti sulla spesa farmaceutica sono stati condivisi, con la sola raccomandazione di essere più conservativi sugli obiettivi di investimento”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 20:46  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Tavolo tecnico sulla Xylella, Emiliano: massimo impegno della Regione Puglia

Ricerca.Monitoraggi.Sostegno alle aziende.


“Possiamo dire che tra la manifestazione di sabato scorso a Lecce e quella di oggi abbiamo potuto dimostrare con chiarezza che la Regione Puglia sta seriamente affrontando il problema della Xylella, sia dal punto di vista del sostegno alla ricerca scientifica per individuare una possibile cura, sia dal punto di vista del sostegno alle aziende olearie che in questo momento vivono una situazione di crisi a causa del calo della produzione”. Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a margine del Tavolo sulla questione Xylella che si è tenuto oggi a Bari insieme ai sindaci e ai rappresentanti delle associazioni, nella sala Guaccero del consiglio regionale.
“Abbiamo concordato con tutte le organizzazioni – ha spiegato Emiliano – di andare avanti sul percorso della legge che avevamo presentato e, quindi, abbiamo ricomposto l’unità di tutta la comunità pugliese attorno al problema del contrasto alla Xylella. La Puglia sarà la prima regione ad avere un’agenzia specifica, come del resto era già previsto, di contrasto a questa patologia che non possiamo ancora guarire. Possiamo rallentarne la diffusione e soprattutto sostenere le imprese agricole nel reimpianto di nuovi ulivi, se l’Unione europea ce lo consentirà, ma anche per avviare nuove attività colturali che costituiscano una valida alternativa alla olivicoltura”.
“Stiamo parlando di una materia che ci provoca una sofferenza enorme. Noi – ha continuato il Presidente della Regione Puglia – eravamo abituati a considerare gli ulivi immortali. Accettavamo più facilmente persino l’idea della morte naturale di una persona cara che la morte di un ulivo secolare. Adesso la Puglia ha capito che i nostri ulivi stanno morendo, ma evidentemente la nostra civiltà e la nostra economia non può fermarsi neanche davanti a un dramma così grande”.
“Metteremo a disposizione del settore – ha concluso Emiliano – somme importanti, decine di milioni di euro che serviranno a sostenere le imprese olearie, sulle quali avevamo investito moltissimo negli anni scorsi per qualificare le loro produzioni e per consentire di conquistare i mercati esteri con olio di eccellenza. È chiaro che non possiamo abbandonare le imprese e daremo una mano per superare questo momento e per diversificare anche le loro produzioni, sperando di chiudere in fretta l’accordo con la Unione europea. La Puglia sta facendo un lavoro di controllo di massa su milioni di ulivi che sta frenando la malattia, ma non possiamo garantire di riuscire a fermarla e ad isolarla in Puglia. Quello che è sicuro è che questa attività è portata avanti solamente dalla Regione Puglia ed è finalmente funzionale dopo anni di dichiarazioni di stato di emergenza da parte dei governi nazionali, che purtroppo non avevano portato a risultati. La Puglia si è rimboccata le maniche e sta fronteggiando nella maniera migliore una malattia attualmente non guaribile”.

 

Foto  Foto2   Foto3

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 14:47  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Emiliano Negro Pasqualone presentano PTA Fasano Mesagne San Pietro Vernotico

 

Procede in Puglia l’attuazione del Piano di riordino ospedaliero con un deciso cambio di passo per quanto riguarda l’avvio di un nuovo modello organizzativo che si declina con la presa in carico globale del paziente. Una sanità dunque moderna e innovativa che passa anche attraverso la riconversione degli ospedali dismessi. Riconversione che sostanzialmente va in direzione di una netta riqualificazione dei servizi ospedalieri e delle strutture nell’ottica di una sanità sempre più al servizio dei territori, sempre più qualificata ma soprattutto sempre più sicura per i cittadini che la utilizzano.

Questa mattina in conferenza stampa il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore al Welfare Salvatore Negro hanno illustrato i tre accordi (già firmati e operativi) per la riconversione in PTA dei tre ospedali della provincia di Brindisi, Fasano, Mesagne e San Pietro Vernotico.

“Oggi abbiamo presentato la strutturazione delle organizzazioni territoriali sanitarie che prenderanno il posto degli ospedali riconvertiti di Fasano, Mesagne e Sani Pietro Vernotico – ha detto il presidente Emiliano intervenendo in conferenza stampa - queste riconversioni in realtà daranno vita a PTA già finanziati (e che quindi realizzeremo in tempi brevissimi) e che consentiranno di introdurre ulteriori possibilità di diagnosi e cura per i cittadini vicino al luogo della loro residenza. Tutto questo senza però avere il costo gravoso di ospedali che non garantivano la sicurezza, concentrando i servizi nelle sedi maggiormente efficienti e dedicate alla cura delle acuzie”.

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 13:52  » Comunicati S. Stampa Presidente «
XXII Giornata della Memoria, Emiliano: la lotta alla mafia non può fermarsi.

 Solidarietà ai Sindaci e a don Ciotti

“La lotta alla mafia come tutte le grandi battaglie non può fermarsi”.Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenendo questa mattina a Bari alla XXII^ Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.
“ Noi cerchiamo di fare memoria - ha continuato Emiliano – di tutti coloro che abbiamo perduto in questa battaglia, sono i martiri della mafia e sono in gran parte uomini e donne del Sud. Come la mafia è nata nel Sud, così è il Sud ad aver generato gli anticorpi per combatterla, un Sud che si sta battendo da sempre e con grandissimo coraggio. La Puglia non poteva mancare a far sentire la sua voce in questa giornata così importante. Una giornata in cui vogliamo dare tutta la nostra solidarietà ai sindaci, agli amministratori che vengono minacciati ed in particolar modo a Don Luigi Ciotti”.
“Siamo tutti un po’ sbirri, perché gli sbirri sono i nemici della mafia”, ha spiegato il Presidente Emiliano in riferimento alle recenti scritte ingiuriose rivolte al fondatore di Libera nella recente iniziativa antimafia fatta a Locri. “Questa parola – ha detto Emiliano – è un insulto, lo hanno utilizzato contro di me tante volte quando facevo il magistrato, però dobbiamo prendere atto che per fare in modo che questi insulti siano sempre meno efficaci, dobbiamo distribuire questo compito di essere sentinelle dell’antimafia a tutti i cittadini di buona volontà non solo alle forze dell’ordine e reagire secondo le regole che don Luigi ci ha insegnato: quelle dell’antimafia sociale e quelle delle responsabilità nell’esercizio delle nostre funzioni, qualunque esse siano, che marginalizzano la mafia e le tolgono il terreno di coltura".

Foto  Foto2  Foto3   Foto4         Qui il Link:  https://goo.gl/96cWDh

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Marzo 2017 @ 13:24  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Il presidente Emiliano al Consiglio Comunale San Severo

 

"Man mano che i clan locali sono andati in declino sono stati sostituiti da una criminalità molto aggressiva e segmentata che ha subito l'influenza della criminalità locale e campana. Non è un caso che il Gran Ghetto da vent'anni sorgesse proprio nel territorio di San Severo. Le mafie non consentono certo di far gestire traffici ai caporali. Per questo appena diventato presidente della Regione mi sono attivato per porre fine a questa situazione con una denuncia alla Direzione Distrettuale Antimafia per verificare il collegamento mafioso tra la gestione del Ghetto e la criminalità locale. Questo processo ha portato il Ministero a dare il via allo sgombero e alla bonifica di quell'area, mettendo fine ad una situazione di illegalità che andava avanti da troppo tempo. Questa città è martoriata da episodi di illegalità, avevamo già chiesto di dedicare maggiore attenzione alla problematica. La presenza del consiglio regionale qui quest'oggi è la prova che la città non è sola e che l'intera Regione sostiene le ragioni del territorio e dei suoi cittadini. Speriamo che non manchi l'appoggio del Governo dopo il calare inevitabile della attenzione mediatica”.

Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, da San Severo (Fg), a margine del Consiglio Comunale aperto, in corso oggi sul tema “Sicurezza e Ordine Pubblico".

Foto   Foto

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 20 Marzo 2017 @ 13:49  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Precari sanità. Emiliano Ruscitti: "Lavoriamo per sbloccare piano assunzionale"

 
“Stiamo lavorando per sbloccare il piano assunzionale. Nell’ultimo confronto che si terrà domani a Roma con il MEF porteremo certamente la nostra proposta in tal senso, sperando in un esito positivo. Stiano tranquilli i precari della sanità pugliese. Siamo ben consapevoli del ruolo fondamentale che hanno avuto nella sanità degli ultimi anni con la loro dedizione e la loro professionalità. Non ha senso disperdere questo patrimonio di competenze e per questo non lasceremo indietro nessuno”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano in vista del tavolo di verifica MEF sul Programma Operativo 2016/2018 che si terrà domani alle 14.00 a Roma e nel corso del quale la Regione porrà il tema della stabilizzazione dei precari in Sanità. Questo pomeriggio invece si terrà, sempre a Roma, la riunione del Comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenza, i LEA. Parteciperà ad entrambe le riunioni il direttore del Dipartimento Salute e Promozione del benessere sociale Giancarlo Ruscitti.

“La Regione Puglia – ha aggiunto il direttore Ruscitti - da tempo sta lavorando sulla stabilizzazione dei precari in sanità in applicazione del DPCM che permette appunto la stabilizzazione di lavoratori precari del Servizio Sanitario Nazionale (per coloro che abbiano raggiunto i requisiti al 31 dicembre 2013). In aggiunta al DPCM c’è anche l’art.1, comma 543, della finanziaria 2016 che per snellire le procedure, e sempre garantendo la riserva nel concorso pubblico, estende la possibilità della stabilizzazione anche a coloro che hanno raggiunto i requisiti dopo il 2013. Ma non vorrei dimenticassimo però che la Puglia è ancora sotto la lente dei Ministeri, siamo ancora in Piano Operativo (dal quale pensiamo di uscire entro la fine del 2018 per rientrare finalmente nell’ordinario) per cui tutte le spese devono necessariamente passare dal placet di chi ci controlla”.

“La materia è complicata – hanno concluso Emiliano e Ruscitti – ma noi proseguiremo con la stabilizzazione dei precari secondo quanto ci consente la legge. Ci auguriamo che ci sia al più
presto un decreto legislativo, su cui sta lavorando il ministro Madia, per accelerare i processi di fuoriuscita dal precariato”.

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 20 Marzo 2017 @ 13:49  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Domani martedì confza stampa Emiliano Negro Pasqualone riconversione ospedali

 

Si terrà domani martedì 21 marzo alle ore 10.00 la conferenza stampa del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dell’assessore al Welfare Salvatore Negro per la presentazione dei tre accordi (già siglati) per la riconversione in Presidio Territoriale di Assistenza degli ospedali di Fasano, Mesagne San Pietro Vernotico.

All’incontro con la stampa parteciperanno anche il direttore generale della Asl Brindisi, Giuseppe Pasqualone, i sindaci di Fasano, Francesco Zaccaria, di Mesagne, Pompeo Molfetta, e di San Pietro Vernotico, Maurizio Renna, i consiglieri regionali Pino Romano, Fabiano Amati e Mauro Vizzino.

La conferenza stampa si svolgerà presso la sala stampa della Presidenza della Regione Puglia (Lungomare Nazario Sauro 33/Bari).

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 20 Marzo 2017 @ 09:54  » Comunicati S. Stampa Presidente «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)