Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)
Inceneritori.Santorsola:rimosso dallo sblocca Italia il nuovo impianto in Puglia


“La nuova bozza del decreto ‘Sblocca Italia’ finalmente ha depennato l’ipotesi di nuovo impianto di incenerimento sul territorio pugliese grazie ai rilievi tecnici che i nostri uffici hanno mosso alle valutazioni fatte dal Ministero competente nel redigere il testo del decreto. In sede politica poi abbiamo sottolineato qual è la linea che la Puglia intende seguire per il tema dei rifiuti e quanto intenda incentivare la differenziazione al fine di ridurre la minimo l’indifferenziato da trattare meccanicamente e trasformare in CDR. Il piano di investimenti contenuto nel piano d’Azione dei fondi per lo sviluppo e la coesione, per un totale di 47mln di euro, su impianti di compostaggio, incentivazione della differenziata e riduzione dell’indifferenziato attraverso la realizzazione di nove impianti per la selezione meccanica e il trattamento, ha dato forza al nostro impegno”. Così l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, annuncia il risultato confermato nei giorni scorsi in sede ministeriale.
“Il nuovo documento recepisce le istanze della Puglia e cristallizza il fabbisogno ulteriore in 70mila tonnellate/anno (dalle iniziali 250mila) e ritiene quindi non necessaria la costruzione di un nuovo impianto di trattamento ritenendo sufficiente un ipotetico potenziamento di quelli esistenti. Il lavoro fatto ha permesso di centrare il risultato – prosegue Santorsola – scongiurando un rischio concreto per la nostra regione”.
“Infine – conclude l’Assessore – dobbiamo registrare un positivo cambio di passo da parte del Governo improntato ad un maggiore coinvolgimento delle regioni sulla materia: in primo luogo attraverso l’assoggettamento a VAS del decreto per le materie ambientali, che permetterà ai territori di presentare ulteriori osservazioni sulle questioni più concrete, e, infine, attraverso il recepimento dell’idea, emersa in Conferenza Stato-Regioni, di istituire a valle del decreto una cabina di regia nazionale per il monitoraggio attivo delle politiche di strategia nazionale sulla gestione dei rifiuti anche al fine di garantire il rispetto delle prerogative che la normativa vigente riconosce in capo alle Regioni.”.

Condividi via email  Visualizza in formato pdf Condividi su facebook Condividi su Twitter
Data: Ven, 15 Gennaio 2016 @ 14:06
Categoria: Comunicati S. Stampa Giunta
Scritto da: