Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

Emiliano a Roma per presentazione dati su inquinanti presenti area Taranto

Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha partecipato quest’oggi al convegno organizzato a Roma, presso la sala convegni del CNR, dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute su “Studi di biomonitoraggio e tossicità degli inquinanti presenti nel territorio di Taranto”. Nel corso del convegno sono stati presentati i risultati del Progetto Studi di biomonitoraggio e tossicità degli inquinanti presenti nel territorio di Taranto.

“In collaborazione con la Asl di Taranto - ha detto Emiliano – si è dimostrato che i metalli pesanti inducono un ritardo dello sviluppo mentale dei bambini di Taranto e questo è un fatto gravissimo. E’ una notizia di una gravità senza precedenti. Ovviamente lo studio registra, anche in corrispondenza con quanto accertato dai magistrati e dalla Regione Puglia in collaborazione con la Regione Lazio, che quando la fabbrica abbassa i livelli di produzione, come è stato nel 2015 e nel 2016, i dati sull’inquinamento sono ovviamente inesistenti o molto bassi. Si tratta dunque di uno studio molto importante e molto interessante che conferma tutta la nostra preoccupazione su quello che sta succedendo in città. Ribadiamo la nostra richiesta che la sanità tarantina venga particolarmente sostenuta con un intervento speciale di natura economica, ma anche normativa, che ci consenta di fronteggiare con maggiori disponibilità di forze una mitragliatrice che spara sulla folla. Ecco, questo è stata l'Ilva in questi anni".

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 07 Dicembre 2016 @ 18:47  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Promozione della salute nelle scuole. Leo e Gorgoni presentano catalogo 2016/17

 

A scuola di buona salute. La Puglia è l'unica regione in Italia che da cinque anni sperimenta e attua la promozione della salute nelle scuola (coinvolgendo una fascia di età di ragazzi compresa tra i 6 e i 18 anni) attraverso progetti dedicati a otto aree tematiche: nutrizione e attività motoria, contrasto alle dipendenze, salute e ambiente, sicurezza in casa e al lavoro, comportamenti a rischio, benessere mentale, corpo in salute e affettività e sessualità.  La Regione Puglia, coinvolgendo l’assessorato al Welfare e l’Ufficio scolastico regionale, ha dunque investito e creduto nel progetto “Piano Strategico Regionale per la Promozione della Salute nelle Scuole” e ha continuato a sostenere e a realizzare il Catalogo scolastico, un vero e proprio catalogo di attività possibili rivolte alla scuola e agli studenti, uno strumento di lavoro per il mondo scolastico e quello sanitario, uno strumento di pianificazione ed attuazione delle azioni di Promozione alla Salute nelle giovani popolazioni studentesche della Regione Puglia.


Il Catalogo scolastico 2016/2017 è stato presentato questa mattina in conferenza stampa dall’assessore alla Formazione e Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo, dal commissario dell’Aress Giovanni Gorgoni, dal direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, Anna Cammalleri e dalla dirigente della Sezione Promozione della Salute e del Benessere della Regione Puglia Francesca Zampano. 
Sono stati illustrati anche i numeri dell’anno scolastico 2015-2016: 641 adesioni da parte degli istituti scolastici ad almeno un programma (regionale o provinciale) di educazione alla salute, con conferma del trend in crescita con un coinvolgimento di 3.900 classi e complessivamente di 83mila ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 18 anni.


“Occorre sensibilizzare i ragazzi - ha detto l’assessore Leo - su questi temi importanti. Penso che la Regione Puglia stia facendo davvero tanto, in connessione fondamentale con il territorio. Io credo che solo investendo nel mondo della scuola, si riuscirà, nel giro di qualche anno, ad arrivare ad obiettivi apprezzabili. Per poter dialogare con i ragazzi è necessario però essere sempre in connessione con loro. Occorre saper interagire con loro e con i loro strumenti. Noi continueremo a giocare di attacco – ha concluso Leo - cercando di comprendere chi abbiamo di fronte e cercando di coinvolgere la totalità delle scuole. Si è arrivati oggi a numeri importanti. Coinvolgere quasi 4mila scuole e 83mila ragazzi ci dimostra che stiamo viaggiando sulla strada giusta”.

 

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 07 Dicembre 2016 @ 15:13  » Comunicati S. Stampa Giunta «
La Puglia premiata a Bruxelles come “Sito di riferimento” per l'innovazione

L’assessore Capone: “Un riconoscimento importante per la Puglia è uno stimolo a perseverare”

Per l’Europa la Puglia è “Reference Site” per le politiche d’innovazione nel campo della salute e dell’invecchiamento attivo. Il riconoscimento, consegnato dalla Commissione europea nel pomeriggio di oggi all’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, in occasione della seconda giornata del summit a Bruxelles sull’innovazione digitale, premia il modello Puglia. Il modello della quadrupla elica, che mette in rete enti di ricerca, imprese, pubblica amministrazione e cittadini, e che vede nella salute dell'uomo e dell'ambiente, nella manifattura sostenibile, e nelle comunità digitali, creative e inclusive, i tre assi d'intervento delle politiche regionali dei prossimi dieci anni.

“La Puglia – ha detto Loredana Capone – è orgogliosa di ricevere questo riconoscimento. Essere indicati davanti a tutte le regioni europee come buona prassi da seguire nelle politiche di innovazione digitale in tema di salute è di per sé una grande vittoria. Perché non è facile fare innovazione, e non è facile farla dal Sud, ma riuscirci è la nostra più grande ambizione. In quest'ottica il titolo di “Reference Site” non è un traguardo, al contrario, è un incoraggiamento a perseverare e a migliorare sempre più la qualità dei servizi resi alle nostre comunità, perché sono i cittadini i veri beneficiari delle politiche regionali per la salute”.

Nel corso della cerimonia di consegna del riconoscimento l’assessore Capoone ha illustrato come la Puglia è impegnata a raggiungere gli obiettivi del “Blueprint on the digital transformation of Health and care”, documento strategico predisposto dalla Commissione europea sulla trasformazione digitale nel settore della salute e dell’assistenza.

“Partiamo dal Blueprint – ha proseguito l’assessore. Un piano che la Commissione europea ha voluto per trasformare l’innovazione da narrazione in politiche concrete, per migliorare la qualità della vita dei cittadini e agevolare i fabbisogni che derivano da un’anzianità sempre più lunga della popolazione. Resta, però, un piano d’azione che i territori devono poi realizzare nel concreto. La Puglia ha provato a farlo mettendo in campo una serie di strumenti di finanziamento innovativi: dal Pre-Commercial Procurement, una modalità di gara d’appalto altamente innovativa, che la Puglia ha sperimentato dopo solo la Val D’Aosta, in cui l’oggetto è un prodotto di ricerca da costruire in base ai fabbisogni e le aziende, anche le piccole, sono messe nelle condizioni di mettere in produzione prototipi, sperimentarli e poi inserirli direttamente sul mercato con ottime percentuali di successo; ai Living Lab nati dal confronto tra il sistema dell'utenza (associazioni socio-economiche, enti pubblici e altre organizzazioni portatrici di interessi collettivi), il sistema della ricerca e le imprese pugliesi che operano nel campo dell'Ict; ai Partenariati regionali per l’innovazione. Azioni concrete, insomma, che la Puglia ha compiuto utilizzando i Fondi strutturali e i Fondi diretti dell’Unione Europea e scegliendo di metterli a servizio dell’attuazione pratica dell’innovazione digitale”.

“Quella di Bruxelles – ha concluso Capone - è, dunque, una grande opportunità e ringraziamo tutti coloro che hanno apprezzato il nostro intervento e ci hanno citati come esperienza di riferimento: Il nostro impegno non finisce qui, riparte da qui”.

Foto   Foto 2

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 07 Dicembre 2016 @ 14:18  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Puglia a caccia di investitori per le start-up innovative a UnBound Digital Lond

 


La Regione Puglia vola a Londra (Gran Bretagna) per attrarre investimenti per le start-up innovative del settore ICT. È questo l’obiettivo della partecipazione regionale voluta dall’assessorato allo Sviluppo economico, Sezione Internazionalizzazione, all’evento UnBound Digital, una delle principali business convention internazionali, dedicate alle start-up nel settore digitale, in programma a Londra dal 7 all’8 dicembre 2016.
“In Puglia qualche anno fa non esistevano startup innovative- ha detto l’assessore allo sviluppo economico, Loredana Capone-oggi, sono oltre 200 quelle registrate e questo numero è destinato a salire ancora. Abbiamo una grande propensione verso la creatività e la Regione ha lavorato e sta lavorando duro per arrivare a costruire un ambiente sempre più favorevole. Perché un Paese è prospero se lo sono le sue aziende è perché con le start up il futuro è di chi lo fa. D'altra parte sta cambiando la visione della società e del modo di fare impresa, che sono e devono essere sempre più fondati sul digitale e su realtà e concetti chiave come innovazione e condivisione. Conta l’idea insomma ma vince chi sa mettere insieme le persone giuste e si concentra sul fare. La Puglia ha dimostrato di avere avere idee buone e di saper fare squadra e proprio in questi giorni la Commissione europea ci premia come best practise nell'innovazione digitale. Adesso la sfida è incide sempre più sul miglioramento della qualità della vita delle nostre comunità. Con la Regione stiamo provando ad agevolare questo percorso".

L'evento, giunto alla terza edizione, rappresenta una straordinaria piattaforma di connessione tra Start-up e brand in tema di innovazione digitale e vedrà la presenza di 3.500 partecipanti tra imprenditori, investitori, corporate & brand executives, media influencers (circa 50 testate giornalistiche e bloggers) provenienti da Stati Uniti, Italia, Israele, Spagna, Hong Kong, Singapore, Germania, Irlanda. Tra i principali temi di questa edizione: l'innovazione in ambito Retail, AdTech, Media & Advertising, Healthcare, Cybersecurity e FinTech.
La Regione Puglia partecipa all’evento con una delegazione di 9 startup ed imprese innovative pugliesi che presenteranno ai Venture Capitalists le loro soluzioni innovative in campo digitale nei settori con applicazioni nei settori che vanno dall’healthcare al media advertising, adtech ed entertainment.
La delegazione pugliese sarà presente all’interno dell’area “Start up Bazaar” coordinata da ICE-Agenzia di Londra in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana per il Regno Unito.
Oltre ai 2 giorni di incontri BtoB con potenziali investitori ed eventi di networking, in calendario il 7 ed 8 dicembre, è prevista per la delegazione un’azione di scouting il giorno 9 dicembre con una serie di incontri con i principali stakeholders dell’eco-sistema inglese dell’innovazione, oltre ad una visita guidata alle strutture di eccellenza della Tech City, hub mondiale del Fintech.
La presenza regionale all’evento sarà rafforzata dal desk “Invest in Apulia” presidiato da Puglia Sviluppo Spa (società regionale in house che si occupa di attrazione investimenti), per promuovere le opportunità di investimento sul territorio regionale e favorire lo sviluppo di contatti con gli investitori e gli operatori internazionali.
Le start-up e PMI innovative partecipanti:
Intermed Solutions Srl (Maglie - Le), The Digital Box Spa (Gravina in Puglia - Ba), Cinemagica Srl (Bari); SHOUZZ srl (Bari); Grifo Multimedia srl (Bari); Rhubbit Srl (Turi - Ba); Intact Srl (Bari); Carepy (Bari); Plusimple srl (Bari). (comun.)

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 06 Dicembre 2016 @ 20:09  » Comunicati S. Stampa Giunta «
L.Cave.Santorsola:solo procedura VIA mette al sicuro gli operatori

"Leggo in questi giorni interpretazioni fantasiose delle ricadute che la legge di modifica della 21/2004, recentemente approvata in consiglio, determinerebbe sul comparto delle attività estrattive e rimango basito rispetto alla deliberata volontà di non tenere presente un elemento: sino all'approvazione della nuova legge davvero il comparto era esposto al rischio di subire uno stop, circostanza che oggi è scongiurata grazie all'individuazione di un percorso condiviso anche da una cospicua compagine di operatori". Così l'Assessore alla Qualità dell'Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, sul tema delle cave.

"L'Italia e la Puglia sono soggette a procedura di infrazione comunitaria sul tema delle autorizzazioni ad esercire l'estrazione da cave e, tra le altre cose, esiste una giurisprudenza europea che ha già tracciato un percorso per i gestori privi di autorizzazioni conformi. In questo quadro di riferimento davvero i gestori erano sotto la spada di Damocle di possibili stop alla propria attività che potevano essere originati da semplici ricorsi ai giudici ordinari da parte di soggetti interessati. La norma regionale - prosegue Santorsola - offre una via di uscita da questa impasse attraverso la presentazione della documentazione per la richiesta di Valutazione di Impatto Ambientale postuma. L’iter legislativo è stato condiviso con le associazioni di categoria proprio per evitare che potessero intervenire fattori esterni a bloccare l’attività economica dei gestori".

"Intraprendere questo percorso mette gli operatori al sicuro da qualunque rischio di interruzione imposta e, tra le altre cose, il termine di presentazione è più che congruo: ben 180 giorni. In ultimo - conclude Santorsola - va ricordato che tutto questo non riguarda le attività ricadenti in zone Sic e Zps che, invece, soggiaciono a norme del 1991 che non hanno subito alcuna modifica e che già prevedevano la Via. Detto questo, credo, che il terrorismo su presunti stop al settore o su fantomatici legacci a operatori economici già in crisi sia inopportuno e fuorviante".(comun.)

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 06 Dicembre 2016 @ 20:06  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Domani Leo a presentazione catalogo Piano strategico promozione salute

 L’assessore al Lavoro e alla Formazione della Regione Puglia Sebastiano Leo, insieme con il commissario Aress Giovanni Gorgoni, parteciperà domani, mercoledì 7 dicembre, alla conferenza stampa di presentazione del “Piano Strategico Regionale per la Promozione della Salute nelle Scuole – Catalogo 2015/2016”, che avrà luogo alle ore 11.30 presso la sala riunioni (5° piano) dell’Assessorato alla Salute (via Gentile 52/Bari).
Parteciperà il direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, Anna Cammalleri.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 06 Dicembre 2016 @ 15:42  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Botteghe di Mestiere, Leo: "grazie alla Regione, finanziati tutti i progetti"

 

 

“La Regione Puglia, su mia proposta, ha deciso di sostenere con risorse proprie i sei progetti pugliesi, ammessi ma non finanziati per insufficienza di fondi, del bando nazionale di Italia Lavoro «Botteghe di mestiere e dell’innovazione», per un totale di 59 tirocinanti per 43 aziende”, a comunicarlo è l’assessore all’istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo.

“La nostra regione – fa sapere Leo – è da tempo impegnata nella rivalorizzazione delle figure artigiane del territorio, nella profonda convinzione che queste figure professionali, se opportunamente sostenute, se capaci di unire tradizione ed innovazione, rappresentino opportunità di lavoro per i nostri giovani. In questa direzione sono stati avviati i “progetti di bottega” da parte di Italia Lavoro, ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso il Programma Sperimentazione di Politiche Attive (Botteghe) che ha trovato concreta attuazione con la pubblicazione in data 12/02/2016 dell’Avviso pubblico “Botteghe di mestiere e dell’innovazione”.

Le botteghe di mestiere sono costituite da un soggetto promotore e da una o più aziende che ospitano percorsi di tirocinio di inserimento/reinserimento della durata di 6 mesi per i giovani che si trovano in stato di disoccupazione/inoccupazione, coerentemente con gli standard minimi richiesti dalla normativa regionale di riferimento.

“Grazie a questo bando di ItaliaLavoro, numerose botteghe di mestiere sul territorio pugliese hanno visto la luce, offrendo opportunità di tirocinio ad altrettanti giovani. Purtroppo – ha concluso Leo – per insufficienza di risorse e nonostante la Puglia sia stata la regione con più progetti finanziati, ben sei botteghe di mestiere sono state ammesse ma non finanziate. Grazie alla collaborazione con Italia Lavoro, la Regione Puglia ha deciso di finanziare le botteghe escluse esaurendo la graduatoria del suddetto Avviso: artigiani del tessile, casari, fornai, sono solo alcune delle opportunità di formazione che il nostro intervento ha garantito”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 05 Dicembre 2016 @ 13:30  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Basilica San Nicola, saluto di Emiliano all'Arcivescovo di Costantinopoli

Qui di seguito il testo integrale del saluto del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli e capo del patriarcato ecumenico (il saluto è stato rivolto questa mattina a Bari, presso la Basilica San Nicola, in occasione dell'inaugurazione dell'A.A. 2016-2017 della Facoltà Teologica Pugliese nel corso della quale verrà conferito all'Arcivescovo il Premio Ecumenico "San Nicola").

Santità Bartolomeo I, ecc.za rev.ma mons. Cacucci, rev.mi vescovi, rev.mo prof. Panzetta, presenti tutti.
La presenza di Sua Santità Bartolomeo I e la decisione di conferirgli il premio San Nicola da parte della prestigiosa facoltà teologica ecumenica pugliese, fanno sorgere suggestioni e pensieri particolari in una persona come me che è stata sindaco della città il cui nome accompagna sempre quello di San Nicola e oggi presidente di una regione, la Puglia, nella cui identità più profonda ci sono le molteplici convivenze e simbiosi di culture e religioni di oriente e occidente.
Da qui è partita la diffusione del culto del santo in tutto l’Occidente. Di qui è partita la diffusione del culto del santo in tutto l’Occidente, fino a farlo diventare il Santa Klaus con cui i bambini di tutto il mondo colorano i loro sogni.

Qui sentiamo, Santità, il richiamo, che ci riviene dal passato, di essere una terra di incontri, di accoglienza, di dialogo, di pace. Ed è questo che ci spinge nella fatica quotidiana di governo ad abbattere muri, a costruire ponti, fuori da ogni schema ideologico, con tutti gli uomini di buona volontà, nella convinzione che questa è la strada maestra per costruire quella possibile felicità che la politica non deve mai dimenticare essere suo precipuo obiettivo.

So di rivolgermi a un testimone importante del nostro tempo: la Sua decisione di essere presente il 19 marzo del 2013 all’inizio del ministero pastorale di Sua Santità Papa Francesco, dopo quasi mille anni, è un segno dei tempi che non deve essere dimenticato per il suo enorme significato e di cui, Santità, Le sono grato a nome di tutti i Pugliesi, perché costituisce una preziosa testimonianza non solo per il dialogo interreligioso, ma per tutto il mondo civile che è assai bisognoso di questi segni, in un tempo in cui in ogni settore della convivenza umana le lacerazioni e i contrasti sembrano prevalere sulla cultura dell’incontro e della pace.

Ma non ci può essere pace vera senza il rispetto profondo del creato, come ci dice Papa Francesco e come Lei Santità ha mirabilmente scritto nella sua opera “La via del dialogo e della pace". È proprio nel rispetto delle diversità della natura e della sua bellezza che si trova il fondamento della tolleranza e dell’accoglienza delle diversità tra gli uomini. La nostra tenace battaglia nella nostra bellissima regione per una terra libera da contaminazioni che pregiudicano la vita umana, secondo i dettami delle nuove sfide ambientali, nasce proprio da questa convinzione e dalla decisa volontà di mettere al centro dell’azione politica la persona umana con i suoi bisogni e la sua dignità. Perciò sono fiero di poterLe dire, Santità, che la nostra è l’unica regione d’Italia in cui è stata approvata la legge sul reddito di dignità, con la quale si cerca di sostenere e avviare al lavoro cittadini che appartengono alle fasce sociali più deboli. Non si può infatti costruire un mondo fondato su pace e dialogo se non si sa ascoltare il grido dei poveri, che spesso viene schiacciato dal clamore e dalla convulsione della vita contemporanea.

Santità, sono particolarmente felice che quest’anno il premio San Nicola sia stato conferito alla Sua persona, non solo per le ragioni poc’anzi rappresentate, ma anche perché Lei è nato a Imbro, nella stessa terra di San Nicola, l’attuale Turchia, una terra che è stata culla del Cristianesimo delle origini, come ci ricorda Efeso e Patmos, una terra che oggi ha particolare bisogno di concordia. Mi piace perciò vederLa e accoglierLa come un pellegrino di pace che ancora una volta viene dall’oriente ad aprire i nostri orizzonti alla speranza di un mondo migliore.

FOTO  FOTO2  FOTO3

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 05 Dicembre 2016 @ 12:59  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Questa mattina a Bari Emliano in Basilica

Questa mattina alle ore 10.30 a Bari, presso la Basilica Pontificia di San Nicola, Michele Emiliano porterà il saluto ufficiale in qualità di Presidente della Regione Puglia al Patriarca Ecumenico Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli, al quale verrà conferito il Premio Ecumenico "San Nicola". in occasione dell'inaugurazione dell'A.A. 2016-2017 della Facoltà Teologica Pugliese.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 05 Dicembre 2016 @ 10:43  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Capone a Bruxelles lun 6 e 7 per vertice su invecchiamento sano e attivo

Missione istituzionale a Bruxelles per l’assessore allo Sviluppo economico, Ricerca industriale e Innovazione della Regione Puglia Loredana Capone. Il 6 e il 7 dicembre infatti l’assessore Capone interverrà all’European Summit on Digital Innovation for Active and Healthy Ageing, il secondo vertice europeo sull’innovazione nel settore dell’ invecchiamento sano e attivo, che quest’anno si svolgerà a Bruxelles dal 5 all’8 dicembre.

 Tema centrale di quest’anno è “come trasformare il futuro dell’assistenza sanitaria in Europa tramite l’applicazione diffusa delle tecnologie digitali”. La Conferenza è organizzata dalla Commissione europea, dal Parlamento europeo e dal Comitato delle regioni. Oggetto della discussione del 6 Dicembre sarà il Blueprint (documento di strategia) sull’innovazione digitale nel settore della salute e dell’assistenza”, gli obiettivi di medio termine che esso si pone e il contributo di ciascun attore al loro raggiungimento. Il giorno successivo il focus si sposterà sul Partenariato europeo per l'innovazione sull'invecchiamento sano e attivo (EIP su AHA), importante strumento a supporto del raggiungimento degli obiettivi del Blueprint, in cui la Regione Puglia è attiva in due gruppi di azione ed è stata recentemente insignit del riconoscimento di “Reference sites” (74 in tutta Europa). Nella primavera di quest’anno infatti la Regione Puglia ha presentato una candidatura per il riconoscimento di Reference site nell’ambito della Partenrship Europea per l'innovazione per le politiche del l'invecchiamento attivo ed in salute. Si tratta di un riconoscimento importante per una Regione come la Puglia che attua queste politiche con una attenzione al modello cosiddetto della quadrupla elica, ossia con il coinvolgimento di policy maker, ricerca, imprese e cittadini/utenti.

“La Puglia – ha detto l’assessore Loredana Capone - ha fatto negli ultimi anni della trasformazione digitale una missione. Ma ha inteso intraprendere un percorso più arduo del mero acquisto di macchine. Ha puntato sulla relazione tra imprese, ricerca, domanda pubblica e domanda dei cittadini utenti. E lo ha fatto con i laboratori di collaborazione finalizzati a sfide sociali rilevanti. Tra queste, un’indiscutibile priorità è il sostegno all'invecchiamento attivo ed in salute. Questo percorso è in atto e deve raggiungere ulteriori traguardi, forti anche dell'incitamento di questo riconoscimento da parte della Commissione Europea”

. La cerimonia di premiazione e consegna dei certificati di Reference site alle regioni europee insignite di questo riconoscimento è in programma per mercoledì 7 dicembre (dettagli di seguito). La due giorni europea dell’assessore Capone sarà segnata da un ulteriore momento di rilevanza strategica quando parteciperà come relatrice (unica in rappresentanza delle regioni europee) alla Sessione di chiusura della Seconda giornata del Summit, martedì 6 dicembre dalle ore 16.30 alle ore 18.00 (al The Square meeting Centre – rue Mont des Arts). L’assessore illustrerà come le regioni europee sono impegnate a raggiungere gli obiettivi del “Blueprint on the digital transformation of health and care (documento quadro sulla trasformazione digitale nel settore della salute e dell’assistenza), riportando ai partecipanti anche l’esperienza pugliese. La cerimonia di premiazione invece avverrà il giorno dopo, mercoledì 7 dicembre, dalle ore 13.30 alle ore 14.30 (presso la Gold Hall del The Square Meeting Center – rue Mont des Arts) con il Commissario europeo per la Digital Economy and Society, Guenther Ottingher che consegnerà il certificato di “Reference Site”. Per la Puglia, ritirerà il riconoscimento l’assessore Loredana Capone.

PER I COLLEGHI GIORNALISTI I punti stampa per le interviste con l’assessore allo Sviluppo economico, Ricerca industriale e Innovazione della Regione Puglia Loredana Capone saranno due: - Martedì 6 dicembre, ore 16.00, presso The Square meeting centre (subito fuori della sala del meeting); - Mercoledì 7 dicembre,ore 14.30, presso la Exhibition area (The square meeting centre), al termine della cerimonia di consegna dei premi di Reference site. A quell’orario il Commissario europeo Oettinger, assieme ai leaders regionali presenti, visiterà gli stands dell’area espositiva.

INFORMAZIONI SPECIFICHE SUI PROGRAMMI Cosa è l'EIP AHA E’ un’aggregazione di stakholders europei attivi nel settore dell’invecchiamento attivo riuniti, secondo lo schema della quadrupla elica, in gruppi di azione con l’obiettivo di discutere a livello europeo delle modalità più efficaci per superare le barriere dell’innovazione esistenti nel settore e contribuire al Piano di azione. La Puglia è attiva sin dall’inizio dell’attività nel Gruppo d’azione B3 (Cure integrate) e C2 (indipendent living). Cosa sono i Reference sites Sono aggregazioni comprendenti autorità regionali e/o locali, città ospedali, PMI, organizzazioni di ricerca che implementano congiuntamente un approccio basato sull’invecchiamento attivo e in buona salute, dando dimostrazione concreta dell’impatto dell’approccio sviluppando soluzioni digitali innovative. Le attività svolte dal Reference site pugliese

Le attività svolte dalla Regione Puglia come Reference site del Programma EIP AHA si inscrivono nel quadro istituzionale delle politiche regionali a sostegno della salute e dell’invecchiamento attivo integrate con quelle della ricerca e dell’innovazione, dei relativi strumenti attuativi (quali per esempio l’istituzione dei Centri Ausili) e delle competenze espresse dal sistema innovativo regionale (distretto tecnologico H-BIO, aggregazione pubblico privata INNOVAAL, piattaforme di Cloud Computing e e-Health PRISMA e SMART HEALTH 2.0, centro di calcolo RECAS, ISBEM, ect,). Ampio è il patrimonio di prototipi e risultati progettuali sviluppati nell’ambito degli interventi per ricerca industriale e innovazione, promossi dalla Regione Puglia e attuati con il supporto di InnovaPuglia, con i programmi di coesione regionali e nazionali (grazie alla partecipazione ai Cluster nazioni tematici quali TAV e ALISEI). La sperimentazione degli interventi Partenariati per l’innovazione, Cluster tecnologici regionali e Living Labs, ha consentito di condividere nei territori regionali conoscenze e risorse partendo dalla domanda locale e sviluppando una best practice collaborativa, evoluta negli anni da una classica tripla elica ad una innovativa metafora della quadrupla elica tipica dell’approccio Living Lab e riconosciuta nell’ambito della rete ENoLL attraverso le aggregazioni regionali ACTLab e InnovAALab. Nella sperimentazione di una gara di pre-commercial procurement sono stati validati su scala significativa dal punto di vista clinico alcuni prototipi realizzati in tema di salute e sicurezza per soggetti fragili.

Sono state avviate una serie di esperienze in ambito comunitario che hanno coinvolto direttamente la Regione Puglia nonché l’ARES impegnata direttamente nell’Action Group B3 - dell’EIP “Capacity building and replicability of successful integrated care systems” basato su introduzione di tecnologie innovative a supporto di sistemi sanitari più efficaci e sostenibili. Non ultima l’evidenza di rilascio di servizi socio-sanitari impattanti rispetto all’approccio “triple win” è riscontrabile nelle esperienze progettuali PROvi e REAAL. Il ruolo da capofila per la Regione Puglia spetta al Dipartimento Sviluppo economico, con il supporto di InnovaPuglia, ARES e in coordinamento con il Dipartimento Salute.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Sab, 03 Dicembre 2016 @ 12:38  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)