Direttore responsabile: Il Dirigente del Servizio Comunicazione Istituzionale
Bandiera Europa





Press Regione

Domani gio 3.9 dibattito Emiliano-Fitto a Cassano con Zullo
Il presidente Michele Emiliano parteciperà domani giovedì 3 settembre alle ore 18.30 a Cassano Murge (Ba), presso il Kartodromo delle Murge (via per Santeramo, km 3) al dibattito "Quale idea del Sud e quali soluzioni per uno sviluppo reale”. Con Emiliano, il leader dei Conservatori e Riformisti, Raffaele Fitto. Ad introdurre il dibattito, che sarà moderato dal caporedattore della Tgr Rai Puglia, Attilio Romita, il presidente del gruppo regionale “Oltre con Fitto”, Ignazio Zullo, e il presidente della settima commissione consiliare regionale, Erio Congedo. Interverranno i consiglieri regionali Francesco Ventola e Renato Perrini.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 02 Settembre 2015 @ 19:07  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Buona Scuola: incontro Emiliano-Cammalleri

Si è tenuta oggi in Presidenza la riunione sulla legge “Buona Scuola” tra il presidente Emiliano, la direttrice dell’Ufficio Scolastico Regionale Anna Cammalleri e l’assessore all’Istruzione, Sebastiano Leo. “Ho consegnato alla dott.ssa Cammalleri – ha spiegato Emiliano – il documento prodotto al termine dello scorso incontro con i sindacati, che la Regione ha fatto proprio. Ho ribadito la volontà di verificare l’attuazione della legge denominata “Buona Scuola”, anche per evitare scossoni violenti nell’esistenza di centinaia di docenti, che a volte da un giorno all’altro devono trasferirsi al Nord senza paracadute, lasciando qui famiglie, case e affetti.

Il governo regionale intende collaborare lealmente all’applicazione della legge e trovare risorse per garantire il diritto ai trasporti e all’abitazione di personale che viene trasferito in altre province, anche in sinergia con lo Stato e le altre Regioni”. Come è noto il documento siglato lo scorso 28 agosto prevede tra l’altro: la richiesta del mantenimento a pieno titolo delle GAE fino al loro esaurimento, con la garanzia del mantenimento del doppio canale assunzionale; -la ridefinizione organici personale ATA, anche alla luce del blocco delle assunzioni per garantire il reimpiego del personale in esubero delle Province, il potenziamento del tempo pieno e del tempo prolungato, l’incremento dell’offerta formativa della scuola dell’infanzia mediante un significativo aumento del numero delle sezioni, l’eliminazione delle “classi pollaio” attraverso il riequilibrio del rapporto alunni-classe, l’individuazione delle modalità di attivazione a breve del progetto regionale “Diritti a Scuola”, approfondimenti sulla situazione del personale precario delle seconde fasce, TFA, PAS, terze fasce e il personale rientrante negli effetti della sentenza della Corte di Giustizia Europea.

“La riunione di oggi – ha sottolineato l’assessore Leo – è stata una prima occasione per verificare con l’USR i risultati del piano di reclutamento del personale docente e le ricadute sui nuovi assunti in termini di trasferimenti in altre province, al fine di evitare al massimo i problemi per i nuovi assunti, a volte precari di lungo corso”. La direttrice Anna Cammalleri ha espresso a sua volta “compiacimento per la grande attenzione che l’Ente Regione, nelle persone del Presidente Emiliano e dell’Assessore Leo dedicano al particolare e delicato momento che vive la Scuola Pugliese, relativamente al Piano di reclutamento straordinario che vedrà mobilitati circa un migliaio di docenti verso altre regioni. Peraltro va nello stessa direzione l’impegno dell’ufficio scolastico regionale, con il portare a termine le procedure per le supplenze in tempo utile e su tutti i posti disponibili, per assicurare ogni possibilità di permanenza dei docenti sul nostro territorio. Sotto tali premesse è fondato ritenere che la Scuola Pugliese potrà trovare nella solida interlocuzione tra l’USR e l’Ente Regione tutti i presupposti per la costruzione di una progettualità integrata che la stessa Costituzione imputa alle competenze dei suddetti Enti”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 02 Settembre 2015 @ 18:31  » «
Discarica Trani.Santorsola e Bottaro sugli interventi di messa in sicurezza



“Dopo un periodo di difficile dialogo con l’amministrazione locale e con il management della società sui percorsi di messa in sicurezza dell’impianto e sui destini dell’ex municipalizzata e del sito, abbiamo riavviato un proficuo dialogo volto a dirimere la questione. Esistono oggi i presupposti per raggiungere gli obiettivi di sicurezza necessari a tutelare i cittadini e la matrice ambientale e, soprattutto, per immaginare un futuro di quel sito”. Così l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente Domenico Santorsola a chiusura dell’incontro, tenutosi a Bari, con il sindaco di Trani Amedeo Bottaro, e l’amministratore di Amiu Alessandro Guadagnolo.
“Il primo obiettivo è quello della sicurezza: su questo punto il percorso è tracciato con prescrizioni e piano di messa in sicurezza in fase di definizione che puntano a risolvere i problemi connessi al percolato, alla gestione del biogas a tutela della falda sottostante . Da quel punto in poi – prosegue Santorsola – potremo ragionare di un futuro per l’impianto all’interno del quadro generale di gestione dei flussi e chiusura del ciclo dei rifiuti su base regionale”.
“Lato Regione – conclude Santorsola – abbiamo espresso al Sindaco e all’amministratore della partecipata ampia disponibilità e massima collaborazione nel rispetto delle prerogative di ciascuno, nel comune intento di tutelare la salute dei cittadini e preservare il territorio da eventuali rischi ambientali”.
“Esprimo soddisfazione per l’incontro tenuto oggi in Regione – dichiara il sindaco di Trani Amedeo Bottaro - è stato un confronto proficuo che mi induce ad essere ottimista quanto alle prospettive, nonostante il cammino lungo. Abbiamo gettato le basi per un percorso comune e per una collaborazione tra istituzioni che porterà buoni frutti”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 02 Settembre 2015 @ 18:04  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Timac.Riavviato proficuo rapporto tra istituzioni



“Sulla Timac nei giorni scorsi c’è stato un ingiustificato allarmismo sul quale abbiamo voluto fare immediata chiarezza dando nuovo slancio al rapporto tra le istituzioni coinvolte nei processi di monitoraggio e messa in sicurezza dell’area. Nonostante sia stato più volte confermato da Arpa Puglia il fatto che non vi siano rischi di natura sanitaria di concerto con il presidente della V commissione, Filippo Caracciolo, abbiamo subito ritenuto opportuno un incontro chiarificatore in sede istituzionale”. Così l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente Mimmo Santorsola in relazione ai lavori della commissione consiliare di questa mattina sulle attività di messa in sicurezza operativa relative alla Timac Agro di Barletta.
“L’obiettivo della commissione odierna era quello di costruire una visione d’insieme del problema – spiega il presidente Filippo Caracciolo – perché si potesse ragionare in termini di area vasta e si giungesse quindi ad un confronto costruttivo sui passi successivi da compiere”.
Ai lavori hanno partecipato oltre alle strutture tecniche dell’Assessorato all’ambiente anche Arpa Puglia, i tecnici della Provincia Bat e del Comune di Barletta, la Asl territorialmente competente. Tra gli elementi emersi relativi all’esigenza di intervenire sulle contaminazioni della falda allargando il raggio d’azione all’intera area e la necessità di individuare una postazione fissa di monitoraggio dell’area.
La Regione ha dato ampie rassicurazioni sulla disponibilità ad individuare un percorso condiviso e a mettere a disposizione quanto necessario per gli interventi, contando sulla collaborazione e l’interazione proficua con gli altri attori della vicenda.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 02 Settembre 2015 @ 17:46  » Comunicati S. Stampa Giunta «
ISTAT, 33mila occupati in più rispetto al 2014.Leo: dati che fanno ben sperare

 

 

Gli occupati in Puglia aumentano di circa 33mila unità rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, passando da un milione 157mila del secondo trimestre 2014 a un milione 190mila del secondo trimestre 2015. È la migliore performance d’Italia.
Cresce anche il tasso di occupazione che nella fascia 15-64 anni sale dal 42,5% al 43,8%, contestualmente scende il tasso di disoccupazione dal 21,3% al 20,3%.

“Sono dati positivi che lasciano ben sperare per il futuro – ha detto l’assessore al Lavoro Sebastiano Leo a commento degli ultimi dati ISTAT – È certamente necessaria prudenza e non lasciarsi andare ad entusiastici proclami, ma i numeri pugliesi, particolarmente felici, sono spiegabili attraverso due fenomeni strettamente collegati tra loro: un generalizzato miglioramento, su quasi l’intero territorio italiano, degli indici di occupazione che in Puglia incrocia gli esiti di tutta una serie di politiche attive per il lavoro e di sostegno all’occupazione.

“Penso, ad esempio, ai progetti di welfare to work, che nella prima edizione hanno coinvolto circa 20mila disoccupati immessi in percorsi di formazione e riqualificazione professionale per accrescerne l’occupabilità, percependo, al contempo un’indennità di frequenza. In queste settimane, grazie alla seconda edizione dell’avviso, saranno avviati a formazione altri 17mila disoccupati in percorsi formativi individuati dalle imprese. Il finanziamento complessivo per il bando welfare to work ammonta a circa 40 milioni di euro, di cui - grazie al meccanismo che incrocia richieste delle imprese e fabbisogno formativo dei disoccupati - sono già stati impiegati circa 21 milioni. Oppure – ha continuato l’assessore Leo – penso a Cantieri di Cittadinanza e Lavoro Minimo di Cittadinanza, che prevedono l’attivazione di cantieri di lavoro promossi dai Comuni, da organismi pubblici, da imprese e organizzazioni del Terzo Settore, ad integrazione - e non in sostituzione - di attività di produzione di servizi o di manutenzione del patrimonio pubblico. Ad oggi sono in fase istruttoria 511 cantieri per cui hanno presentato domanda oltre 9mila cittadini. Stiamo inoltre studiando soluzioni per dare dignità alle fragilità presenti e aggravate dalla crisi, attraverso forme di sostegno al reddito e azioni strutturali di inserimento socio-lavorativo come il Reddito di dignità per l’inclusione attiva.(...)

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 02 Settembre 2015 @ 16:13  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Task Force per OM. Apprezzamento Emiliano ed invito a definire rapidamente

 


Capone: “La Regione e le istituzioni confermano i propri impegni per dare una risposta positiva a 194 lavoratori e dare l'avvio ad un ambizioso progetto industriale”

Passi avanti per la soluzione della vertenza OM Carrelli Elevatori di Modugno, in provincia di Bari con l’obiettivo di accelerare i tempi per la riconversione industriale e dare una risposta alle 194 famiglie dei lavoratori in mobilità.
È quanto è emerso oggi, a Bari, nel corso della riunione del Tavolo tecnico territoriale tra Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bari, Comune di Modugno, Consorzio Asi e rappresentanti di OM. Al centro dell’incontro l’impegno che ognuna di queste amministrazioni dovrà assumersi per consentire al Ministero dello Sviluppo economico, attraverso la sottoscrizione di un protocollo di intesa e del successivo Accordo di Programma, di accelerare l’iter istruttorio del Contratto di Sviluppo presentato dalla multinazionale americana interessata a rilevare OM, in modo che esso possa concludersi positivamente entro dicembre 2015, di investire in importanti infrastrutture di collegamento e favorire la riqualificazione professionale dei lavoratori.

Il presidente Michele Emiliano ha dichiarato di apprezzare il lavoro sin qui svolto raccomandando agli attori istituzionali la massima rapidità nel definire i termini dell'accordo al fine di mettere a segno questo importante risultato.


L’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone, presente all’incontro, spiega: “La riunione di oggi ci ha consentito di ottenere importanti avanzamenti nella tempistica per la riconversione dei lavoratori e nella definizione dei ruoli per arrivare celermente alla sottoscrizione del protocollo d’intesa che precederà l’Accordo di Programma. La Regione Puglia ha confermato il massimo sostegno per lo sblocco della vertenza, e chiede lo stesso impegno a tutte le istituzioni coinvolte per dare nuove speranze sia al territorio che alle famiglie dei lavoratori che da anni attendono fiduciose un epilogo positivo della vicenda OM”.

Presenti al tavolo per la Regione Puglia, oltre all’assessore Capone, Sabino Persichella, amministratore unico della società in house Puglia Sviluppo Spa, Antonio De Vito, direttore generale della stessa, e Federico Pirro, docente di Storia dell’Industria all’Università di Bari.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 01 Settembre 2015 @ 19:18  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Vertenza ex Miroglio.Emiliano e Capone su incontro in Regione

  
“Oggi è una giornata molto importante per la risoluzione della vertenza ex Miroglio. E questo è un motivo di grande soddisfazione per la Regione Puglia anche se il nostro impegno comunque continuerà verso l’ulteriore prosecuzione della vertenza perché noi dobbiamo occuparci di tutti i lavoratori. Ma intanto, per ora, 50 operai trovano collocazione e questo è un primo risultato”.
Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Loredana Capone che questo pomeriggio hanno annunciato ai sindacati, dopo sei anni e mezzo di lavoro e di confronto, la chiusura della lunga vertenza ex Miroglio per almeno 50 dei 163 lavoratori tessili in mobilità dal 2009. Tante sono infatti le assunzioni che l’azienda Logistic & Trade, azienda con sede a Castellaneta che si occupa di commercio di imballaggi nel settore alimentare e non, si impegna ad effettuare all’interno del proprio progetto di acquisizione di 25 dei 55mila metri quadrati della fabbrica ex Miroglio di Ginosa e Castellaneta. L’iter sarà completato a Roma, con la ratifica dell’accordo, presso la sede del MISE il prossimo venerdì 11 settembre.
L’investimento industriale della Logistic & Trade, proposto e ammesso al finanziamento, è di 8 milioni e 500mila euro. L’agevolazione concessa dalla Regione Puglia è di 4 milioni di euro.
“Quello che si è verificato qui in Puglia – hanno aggiunto Emiliano e Capone - è un fatto unico in Italia perché, in base al D. L. 510 del 1996, gli immobili sono stati ceduti dall’azienda piemontese ai comuni e i comuni li hanno poi ritrasferiti ad un soggetto privato che, grazie anche al sostegno regionale, può ricollocare i lavoratori impegnandosi, attraverso i vincoli dei finanziamenti europei, sia a mantenere l’occupazione sia a restare sul territorio. Un’azienda dunque che investe sul territorio e che, facendo innovazione con la nuova attività di recupero della plastica, darà anche un beneficio ambientale al territorio. E questo significherà inevitabilmente generare nuovo indotto. È un investimento – hanno concluso il Presidente e l’assessore - che dà speranza sia alle famiglie dei lavoratori che in questi anni hanno vissuto la terribile esperienza di un’azienda in crisi, sia ad un territorio che si reindustrializza diventando sempre più attrattivo verso ulteriori investimenti”.
Presenti all’incontro il presidente (Sabino Persichella) e il direttore generale (Antonio De Vito) di Puglia Sviluppo e i sindaci dei comuni interessati, Gianfranco Lopane di Laterza, Giovanni Gugliotti di Castellaneta e Giovanni Zigrino, commissario prefettizio di Ginosa. (s.n.)

Foto

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 01 Settembre 2015 @ 18:53  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Rifiuti a Le Cesine. Presidente Emiliano incontra Sindaco Vernole e WWF

 “C’è una situazione relativa alla pulizia della spiaggia della riserva naturale “Le Cesine”, che merita un intervento urgente”.
Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a margine della riunione convocata questa mattina presso la Presidenza, alla presenza dell’Assessore regionale all’Ambiente Domenico Santorsola, del Sindaco di Vernole Luca De Carlo, dei Responsabili dell’Oasi Wwf “Le Cesine” Carmine Annicchiarico e Giuseppe De Matteis e di alcuni consiglieri di maggioranza e del M5S che, nelle scorse settimane avevano posto la questione della presenza dei rifiuti spiaggiati nelle aree protette.(...)

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 01 Settembre 2015 @ 17:24  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Appuntamenti Di Gioia mar 1.9
L’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leo Di Gioia, parteciperà, domani 1 settembre 2015, ore 11.00, presso l’Assessorato, Lungomare Nazario Sauro, n. 45 – 47, Bari, alla conferenza stampa di presentazione del progetto “Puglia rurale: la Puglia sposa il mondo” che porterà i GAL Pugliesi a Expo 2015 dal prossimo 7 settembre al 4 ottobre. Si tratta di un programma di Cooperazione interterritoriale, promosso dalla Regione Puglia, che coinvolge i venticinque Gruppi di Azione Locale della Puglia e l’Accademia Italiana della Vite e del Vino, coordinato, in qualità di capofila, dal GAL Terre del Primitivo.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 31 Agosto 2015 @ 19:13  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Frecciarossa Milano-Bari, Emiliano Giannini: decisione della sola Trenitalia

Il presidente dalla Regione Michele Emiliano e l’assessore ai Trasporti Giovanni Giannini, con riferimento alla notizia diffusa dai media su due treni “Frecciarossa” (uno in andata ed uno per il ritorno) che entreranno in esercizio sul collegamento ferroviario Milano–Bari, hanno chiesto immediato riscontro alla dirigenza del Gruppo FS che, per le vie brevi, ha confermato che tale servizio partirà dal prossimo 20 settembre.

“Questa iniziativa – dichiarano Emiliano e Giannini - è frutto di una decisione unilateralmente assunta dal gruppo delle Ferrovie dello Stato e da Trenitalia in particolare. Non c’è stata alcuna interlocuzione con la Regione Puglia che, pertanto, non ha avuto modo di rappresentare l’imprescindibile esigenza di prolungare l’uso di tali elettrotreni veloci sino a Lecce e a Taranto per evitare ancora una volta sperequazioni nei confronti di territori e popolazioni già duramente discriminati a livello di collegamenti ferroviari. Se davvero si vuol fare cosa utile per la Puglia, per il Mezzogiorno e per l’intero Paese, occorre accelerare il più possibile il raddoppio della dorsale adriatica nella tratta da Termoli a Lesina - che comunque consentirebbe un recupero nei termini di tempi di percorrenza fino a Lecce e a Taranto - mentre con l’iniziativa annunciata si faranno correre due treni veloci su una linea a binario unico per oltre 30 Km, con buona pace della velocizzazione funzionale del collegamento.

Trenitalia, che peraltro gestisce un importante contratto di servizio pubblico locale sottoscritto con la nostra Regione, oltre a interloquire preventivamente col Governo regionale al fine di cogliere esigenze o suggerimenti, non può non porsi oggi il problema di garantire l’efficienza del servizio soprattutto in relazione all’incremento esponenziale dei flussi turistici di quei territori garantendo, inoltre, il reale diritto alla mobilità e la ricucitura del Sud al resto d’Italia ed all’Europa”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 31 Agosto 2015 @ 16:53  » «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)